L’ASSASSINIO DI FLORENCE NIGHTINGALE SHORE Jessica Fellowes

“I contorni della strada svanivano, divorati dall’oscurità, ma la fiumana di gente non accennava a diminuire. Le coppiette si attardavano davanti alle belle vetrine, decorate con luci elettriche e deliziose squisitezze natalizie: scatole di cartone colorato ricolme di lokum, i cui morbidi cubi rosa e verde sembravano brillare di luce propria attraverso lo spesso strato di zucchero a velo; i volti pallidi, lucidi delle bambole di porcellana nuove, gambe e braccia rigide negli abitini di cotone inamidato e strati su strati di impalpabile tulle del sottogonna che spuntavano da sotto l’orlo”.

asUscito il 16 novembre 2017 per Neri Pozza, L’assassinio di Florence Nightingale Shore è il primo di sei romanzi ambientati nell’Inghilterra degli anni Venti e Trenta, con protagoniste le sei sorelle Mitford, attorno a cui verranno costruiti I delitti Mitford, Sei sorelle, una vita di misteri.

La scrittrice Jessica Fellowes è autrice di studi su Downtown Abbey, nonché nipote di Julian Fellowes, suo noto autore e sceneggiatore.

È il 1919, l’infermiera Florence Nightingale Shore deve prendere un treno, che la porterà da una sua amica, ma viene assassinata durante la corsa, non raggiungendo mai la sua destinazione. Nello stesso momento, la giovane Louisa Cannon è impegnata a saltare giù dallo stesso treno, per scappare dal terribile e pericoloso zio Stephen, che vorrebbe dare la nipote a saldo dei propri debiti di gioco, a uomini di dubbia fama. L’unica salvezza per Louisa è un posto di lavoro presso la famiglia Mitford, ad Asthall Manor nella campagna dell’Oxfordshire; fortuna vuole che a soccorrerla sia un giovane agente della polizia ferroviaria di Londra Brighton & South Coast, Guy Sullivan, che si offre volontario per aiutarla a raggiungere Asthall Manor. Louisa riuscirà a farsi assumere, diventando amica della figlia più grande dei Mitford, Nancy, una giovane ragazza di sedici anni ribelle e curiosa, che dimostra di possedere un particolare talento nel raccontare e scrivere storie. Insieme le due indagheranno sulla misteriosa morte di Florence Nightingale Shore, trovandosi coinvolte nell’indagine portata avanti dal giovane agente Guy Sullivan.

La forza del costrutto narrativo dell’intero romanzo sta in un semplice format, già collaudato da Jessica Fellowes con Downtown Abbey e in questo specifico caso nella realizzazione di un crime, dove omicidio e dramma in costume si intrecciano alle vite di aristocratici e domestici, upstairs/downstairs, strutturando il tutto con dovizia di particolari. I fatti, frutto dell’immaginazione, vengono rimescolati a una vicenda di cronaca nera realmente accaduta e rimasta irrisolta, ossia l’omicidio dell’infermiera Forence Nightingale Shore, a cui si riallaccia la vita delle chiacchieratissime sorelle Mitford, “leggendarie” figure del secolo scorso.

“Ogni mattina e ogni pomeriggio, tutta la truppa veniva riunita e accompagnata a fare una camminata a passo svelto a Kensington Gardens. Lousa sospettava che, nonostante le lagnanze, Nanny Blor fosse segretamente orgogliosa di spingere la piccola Debo nell’imponente carrozzina Silver Cross, sapendo di poter reggere il confronto con le bambinaie snob diplomatesi a Norland”.

Tanto la finzione, quanto la realtà ruotano attorno alla protagonista, Luoisa Cannon, filo conduttore tra le tre diverse parti, su cui vengono costruiti abilmente i fatti narrati, infatti Louisa collega le varie vicende attraverso Nancy, divenendo la cameriera addetta alla nursery a casa Mitford, attraverso Guy Sallivan, elemento essenziale per lo svolgimento delle indagini e infine è un elemento di congiunzione con la stessa vittima, Florence Nightingale Shore.

L’autrice mantiene desta l’attenzione con vari colpi di scena, che spingono durante la lettura ad accumulare indizi, mantenendo il lettore vigile a ogni cambio di situazione e ambientazione, solo così si potrà andare alla ricerca del colpevole, rimanendo con il fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina e al contempo subendo il fascino del contesto socio-culturale del tempo, con la consapevolezza che la base della vicenda è reale. Le descrizioni e le ambientazioni, curate nei minimi dettagli, inoltre ricordano al lettore che ci troviamo in una Londra che cerca di riprendersi dalla Grande Guerra, trascinandolo in dietro nel tempo per ripercorrere a ritroso la storia del secolo scorso.

“Un’ora dopo, Louisa camminava lungo il corridoio con Decca per mano e Unity che le seguiva scontenta. Stavano andando a fare una passeggiata in giardino, quando vide Nancy che, immobile come una statua, stava con l’orecchio incollato alla porta dello studio del padre. Prima che lei potesse aprire bocca, Nancy si premette un dito sulle labbra, quindi si raddrizzò e le si avvicinò”.

E pur essendo piuttosto semplice seguirne le vicende, non è un racconto scontato e di facile soluzione, poiché il meccanismo che sta alla base della struttura narrativa svia più volte il lettore, non rendendo per nulla scontata la soluzione del caso.

Le sorelle Mitford meriterebbero un ambito di discussione a parte, in considerazione della vita avventurosa e delle vicende loro attribuite, infatti sembrano incarnare a pieno lo spirito del secolo scorso, di quel Novecento dai grandi rivolgimenti e dalle grandi tragedie storiche, ognuna con il proprio particolare e specifico modo di essere. Figlie dell’aristocratico inglese David Freeman-Mitford, barone di Redesdale, divennero figure iconiche grazie a una vita politicamente controversa e per essere considerate un esempio di stile; per farsi un’idea di ciò che voglio dire, basta leggere un trafiletto del The Times che recita: “Diana la fascista, Jessica la comunista, Unity l’amante di Hitler, Nancy la romanziera, Deborah la duchessa e Pamela la discreta esperta di pollame”.

Anche se nate a inizio Novecento sono sei donne fortemente moderne, anticonvenzionali e molto determinate, donne fuori dal comune; la loro stessa vita può essere considerata un romanzo.

Quindi glamour e fascino, intrigo e buoni sentimenti fanno da collante a un romanzo, che non ha nulla da invidiare ai grandi gialli del secolo scorso; al lettore il compito di accumulare indizi, per trovare il colpevole.

“Il coroner chiamò il medico al banco dei testimoni. Era un bell’uomo, con gli occhi chiari e limpidi. Portava un abito di ottima fattura con un fiore all’occhiello, i capelli con la riga in mezzo e perfettamente lisci sul cranio. Descrisse con grande precisione le ferite sulla signorina Shore, osservate il giorno dopo la sua morte”.

morte diE’ già disponibile in tutte le librerie il secondo attesissimo romanzo Morte di un giovane di belle speranze – I delitti Mitford, uscito il 15 novembre, sempre edito da Neri Pozza Editore. Mentre per chi volesse approfondire la storia delle sorelle Mitford, rimando a Le sorelle Mitford. Biografia di una famiglia straordinaria di Mary S. Lovell, edizioni Neri Pozza.

 

QUARTA DI COPERTINA

Il 12 gennaio 1920 l’infermiera Florence Nightingale Shore arriva a Victoria Station nel primo pomeriggio, in taxi, un lusso che ritiene di meritare a un passo dalla pensione e dopo una vita di sacrifici. Il mezzo di trasporto si intona, infatti, alla sua pelliccia nuova, regalo che si è concessa per il compleanno e che ha indossato per la prima volta solo il giorno precedente. Dopo aver acquistato un biglietto di terza classe per Warrior Square, Florence Nightingale Shore si accomoda nell’ultimo vagone, dove attende che il treno si metta in movimento. Poco prima della partenza nel suo scompartimento entra un uomo con un completo di tweed marrone chiaro e un cappello. È l’ultima volta che qualcuno la vedrà viva.
Il giorno stesso, sulla medesima tratta, la diciottenne Louisa Cannon salta giù da un treno in corsa per sfuggire all’opprimente e pericoloso zio, che vorrebbe sanare i propri debiti «offrendo» la nipote a uomini di dubbia reputazione. A soccorrerla è un agente della polizia ferroviaria, Guy Sullivan, un ragazzo alto e allampanato, gli incisivi distanti e gli occhiali spessi e tondi che gli scivolavano sempre sul naso. Affascinato dalla determinazione della giovane, Guy si offre di aiutarla a raggiungere Asthall Manor, nella campagna dell’Oxfordshire, dove la ragazza deve sostenere un colloquio di lavoro come cameriera addetta alla nursery presso la prestigiosa famiglia Mitford.
Louisa riesce a farsi assumere, divenendo istitutrice, chaperon e confidente delle sei sorelle Mitford, specialmente della sedicenne Nancy, una giovane donna intelligente e curiosa con un talento particolare per le storie, talento che le permetterà poi di essere una delle più sofisticate e brillanti scrittrici britanniche del Novecento.
Sarà proprio la curiosità di Nancy a spingerla a indagare, con l’aiuto di Guy, sul caso che sta facendo discutere tutta Londra: quello dell’infermiera assalita brutalmente sulla linea ferroviaria di Brighton.

Basato sul vero omicidio, rimasto irrisolto, di Florence Nightingale Shore, questo è il primo romanzo di una serie di avvincenti gialli ambientati nell’Inghilterra degli anni Venti e Trenta, con protagoniste le sei «leggendarie» sorelle Mitford.

 

Chi è Jessica Fellowes?

Jessica Fellowes, nipote dell’acclamato autore britannico Julian Fellowes, è scrittrice e giornalista, conosciuta per essere l’autrice di cinque libri sui retroscena delle celebre serie TV Downton Abbey, molti dei quali sono apparsi nella lista dei bestseller del New York Times e Sunday Times. Ex vice direttrice di Country Life e giornalista del Sunday Mail, ha scritto per diverse testate tra cui il Daily Telegraph, il Guardian, il Sunday Times e The Lady. L’assassinio di Florence Nightingale Shore. I delitti Mitford è il primo di una serie di gialli ambientati negli anni Venti.

 

DETTAGLI

Titolo: L’assassinio di Florence Nightingale Shore

Sottotitolo: I delitti di Mitford

Autore: Jessica Fellowes

Traduttore:  Maddalena Togliani

Editore: Neri Pozza

Pagine: 400

Pubblicazione: novembre 2017

ISBN/EAN: 9788854516199

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...