IPAZIA MUORE Maria Moneti Codignola

Quel giorno, nella sua lontana infanzia, Ipazia ha adottato il costume della scienza come servizio reso a Dio; da allora è iniziato il suo cammino, che tuttora è in corso, verso l’unica forma di perfezione che è concessa ai mortali.

Ipazia

Maria Moneti Codignola dedicò la propria vita alla filosofia e quindi chi se non lei poteva parlarci di una delle figure più affascinanti della storia del pensiero filosofico? Con Ipazia muore, edito dalla Tartaruga Edizioni, l’autrice rende omaggio a una pagina della storia filosofica forse poco nota, raccontata nel 2009 anche da Alejandro Amenábar con film Agorà, che vedeva Rachel Weisz nel ruolo di Ipazia.

Con Ipazia muore, Maria Moneti Codignola analizza tutti gli aspetti della vita esistenziale e intellettuale di Ipazia, durante quel periodo storico di passaggio dal paganesimo al cristianesimo, focalizzando l’attenzione del lettore su quello che è stato il ruolo assunto dalla Chiesa nei confronti di una delle menti più brillanti della storia.

Vissuta quindici secoli fa ad Alessandria d’Egitto, dove vi nacque nel 370 d.C., Ipazia si distinse in tutte quelle discipline al tempo a esclusivo appannaggio degli uomini: sapiente filosofa, si dedicò alla divulgazione del sapere matematico, geometrico e astronomico, scienziata ed esponente di spicco della cultura ellenica alessandrina, nonché influente personalità politica, riuscì a raggiungere una posizione eccezionale per una donna del suo tempo.

Iniziata agli studi scientifici dal padre Teone, egli stesso insegnante di matematica e astronomia al Museo di Alessandria, dove fu uno dei suoi grandi maestri, Ipazia, dotata di grande intelligenza, possedeva una cultura tale da superare quella degli intellettuali del suo tempo. E così come Teone, insegnò alla scuola platonica, le cui lezioni veniva seguite da allievi provenienti da tutte le parti dell’Impero, tra i quali ricordiamo Sinesio di Cirene, suo allievo prediletto. Quella stessa scuola all’interno della quale vi si trovava la più grande biblioteca del mondo antico, uno dei principali centri culturali ellenistici, che raccoglieva quattrocentomila volumi composti in più opere e novantamila semplici.

Ad Alessandria, questa è la sua tradizione e la sua identità più propria, tutti gli studiosi si rispettano e rispettano le religioni degli altri, perché sanno che il divino si manifesta agli uomini in infiniti modi e ciascuno lo custodisce nel proprio animo secondo la peculiarità della sua mente e della sua indole.

Cosmopolita, Ipazia si considerava cittadina del mondo, oltre a essere stata il primo matematico donna della storia, studiosa di astronomia e meccanica, si dilettava nell’inventare strumenti scientifici, quali l’idrometro di ottone graduato per misurare la densità specifica dei liquidi e l’astrolabio per misurare la posizione dei pianeti, delle stelle e del sole.

Per comprendere Ipazia però bisogna collocarla nel periodo storico in cui visse, caratterizzato dalla lotta che per secoli vide affrontarsi con alterne vicende paganesimo e cristianesimo e dove il potere imperiale, a distanza di un secolo dall’Editto di Costantino, aveva dichiarato guerra ai culti pagani, concedendo libertà ai cristiani.

La vita di Ipazia cambia nel momento in cui incrocia quella del vescovo di Alessandria, Cirillo che, fattosi forte dell’appoggio imperiale concesso alla Chiesa, comincia a perseguitare pagani e giudei, vittime nel 414 di un vero e proprio pogrom.

Un’ora dopo nello stadio di Tessalonica non c’erano più che cadaveri – uomini, donne, bambini, vecchi – tutti riversi a terra, con gli occhi sbarrati dall’orrore e dalla sorpresa. Questo servirà di lezione a tutta Tessalonica e alle altre città che volessero imitarla.

Questo perché a partire dal 314 il cristianesimo venne dichiarato religione di Stato, tutelato da leggi imperiali che prevedevano la pena di morte per i pagani impegnati a celebrare i loro riti. Su Alessandra d’Egitto gravava la presenza del vescovo Cirillo, a causa della quale la situazione degenera, dato che ritiene pagani e giudei colpevoli di aver ucciso il Salvatore, il Figlio di Dio.

Cirillo invidioso dell’ammirazione e della popolarità di cui godeva Ipazia, furente poiché il prefetto Oreste segue i consigli di questa donna, e facendosi forte del fatto che è una pagana, scatena contro la filosofa i Parabalani i “giovani egizi cristiani, tra i più violenti e fanatici, quelli che credono di acquistare meriti presso Dio se distruggono gli ultimi focolai di paganesimo, se uccidono qualche non credente, pattugliano i quartieri alti di Alessandria, dando la caccia al pagano”.

Quindi fanatici monaci del deserto, facenti parte di quelle file di zeloti che dall’impassibilità ascetica erano diventati sovversivi, considerati il braccio armato della Chiesa, al punto che nel 415 vengono ingaggiati per trucidare Ipazia. La Chiesa, nella persona del vescovo Cirillo, condanna quella donna che si dedica allo studio invece di rimanere sottomessa al marito, imponendole di tenersi lontana dalle mondanità e soprattutto di non rendersi ridicola dedicandosi alle lettere, alle arti e alle scienze. Così, durante una messa il vescovo si scatena contro Ipazia, facendo presa sul fanatismo religioso con cui alimenta la sua folla.

I Parabalani, su incarico di Cirillo, dilaniarono il corpo di Ipazia, lo fanno a brandelli con cocci acuminati, le asportarono gli occhi dalle orbite, dando alle fiamme ciò che ne rimane.

Nel 1882 la Chiesa dichiarò il vescovo Cirillo santo e suo dottore, anche se incontestabilmente il suo operato è stato condannato più volte.

La storia di Ipazia, affrontata da Maria Moneti Codignola con grande abilità narrativa, offre importanti spunti di riflessione per comprendere la storia dell’Impero romano d’Oriente, la posizione della Chiesa durante la lotta tra pagani e cristiani, ma soprattutto apre la mente a quello che era il concetto di donna, filosofa e scienziata, nel corso delle dispute del tempo. L’autrice, nel fornire una visione più umana del personaggio, mette a nudo, prima della studiosa, la donna con le sue debolezze, i suoi punti di forza e la sua straordinaria determinazione.

La filosofa Ipazia pensa che l’unico modo di avvicinarsi a Dio è prendere le distanze dalla propria limitatezza, insita nell’essere umano, fatta di scelte, dolori, gioie, colpe, meriti, dedicandosi completamente allo studio, alla comprensione e alla conoscenza “e per il resto adottare la Sua stessa divina indifferenza”.

La donna Ipazia, invece, subisce un passaggio graduale, inizialmente considera la vita priva di valore, poiché venire al mondo vuol dire legarsi alla prigione del corpo, che rappresenta il niente, divenendo parte di quella materia che è essa stessa nulla.

La vera sostanza di tutti noi, uomini e donne, liberi e schiavi, è la scintilla divina, la mente, che è un frammento di Dio e che ha brama di ritornare da lui.

Per poi cambiare visione nel momento in cui si riscopre figlia e al contempo donna: da un lato, sentendosi inondata da quella tenerezza, che solo una madre sa dare alla propria figlia e dall’altro, lasciandosi sedurre da quell’amore che le giunge inaspettato da colui che le sta da sempre accanto, anche se ricopre la condizione di schiavo. Solo così i suoi interessi scientifici prendono un corso diverso, all’improvviso la vita comincia a incuriosirla.

Ora è questo mondo che l’affascina e che trattiene la sua attenzione, la meraviglia dell’organizzazione di tutti i viventi, i mille modi pieni di astuzia che ogni piccola vita escogita, per portare a termine il suo assurdo scopo, di continuare a vivere e di riprodursi, per vivere e poi ancora riprodursi, all’infinito.

Ipazia nei secoli è stata spesso idealizzata e ancor più spesso fraintesa, ricordata come una sacerdotessa, martire e persino strega, eppure nulla di tutto ciò le si addice; prima di tutto è stata una donna capace di imporsi in un contesto storico-sociale dove certi studi e forme di pensiero non si addicono al suo ruolo; poi è stata una scienziata dotata di grande intelligenza, intuito e sensibilità e infine una filosofa, che ha saputo ricercare nel significato dell’esistenza equilibri e armonia, insegnando rispetto e ricerca della verità.

La sua rappresentazione distopica di ciò che sarebbe stato in futuro a causa del cristianesimo è stata trasformata dalla storia in un atto di preveggenza: “Forse, se saranno loro a vincere la partita – e tutto fa pensare che sarà così – ci saranno secoli tremendi, secoli di orrori, che sconvolgeranno la terra”.

Dio attraversa tutte le religioni e lo fa con passo lieve, poi la cultura del luogo ne plasma il credo: pagani, cristiani, buddisti, mussulmani tutti godo della centralità divina e tutti assolvono un ruolo rituale e così, nel corso della lettura, vengono mostrati i pagani perseguitati dai cristiani che, nascosti e in comunione, consumano un pasto dove “Mangiare insieme, anche quando non si ha fame, è comunque un rito che rincuora. Spezzano il pane e fanno passare dall’uno all’altro un calice di vino, e così si sentono più uniti, più solidali e pieni di coraggio, per la battaglia che li aspetta l’indomani”. Come Gesù fece con i suoi Apostoli.

La storia, disseminata d’ingiustizie, insegna che gli uomini non imparano dagli errori del passato, così come il ricordo stesso dell’errore non ne esclude un suo eventuale ritorno.

Forse è l’aria della sera, che trasporta mille fruscii e mille suoni ingannevoli, ma Demetra giurerebbe che una voce sta sussurrando: “Anche a me, Demetra, importa di te, del tuo viso, delle tue mani, del tuo corpo che non potrò più abbracciare; ma se tu mi pensi con tutto il cuore, se lo desideri veramente, allora potrai sentire la mia carezza sulle tue guance, e il mio bacio sulla tua fronte. Stringimi a te, madre, ho bisogno del tuo calore; non dimenticarmi e fa sì che io non sia mai dimenticata”.

 

QUARTA DI COPERTINA

Poche donne nella storia ebbero la possibilità di distinguersi nelle discipline scientifi che, considerate appannaggio maschile. Molte dovettero pagare questa passione con la vita, quasi fosse una colpa di cui vergognarsi. La più nota, nella tarda antichità, fu senza dubbio Ipazia, scienziata e filosofa, nata ad Alessandria d’Egitto nel 370 d.C., inventrice di strumenti come il planisfero e l’astrolabio. Figlia del matematico Teone, e lei stessa prima matematica della storia, fu la più nota esponente alessandrina della scuola neoplatonica, circondata dal rispetto di allievi giunti da ogni angolo del mondo. Vissuta in un’epoca confusa e intollerante, segnata dallo scontro fra la civiltà ellenistica e il protocristianesimo, la fama di Ipazia suscitò l’odio del vescovo Cirillo al punto da fargli tramare la sua uccisione, avvenuta nel 415. Aggredita da un gruppo di monaci fanatici, fu trascinata in una chiesa e uccisa a colpi di conchiglie affilate. Mentre ancora respirava, le cavarono gli occhi come punizione per aver osato studiare il cielo. Dopo averla fatta a pezzi cancellarono ogni traccia di lei bruciandola. Protagonista di una pagina poco nota della storia – raccontata anche in un fi lm tanto atteso quanto discusso come Agorà di Alejandro Amenábar – Ipazia è oggi considerata la prima martire pagana del fanatismo cristiano. In questo romanzo l’autrice ricostruisce la vicenda umana della filosofa, con i suoi affetti, la sua sete di conoscenza e il suo bisogno di amore: una donna la cui volontà non diede mai segno di piegarsi a ciò che il destino e la sua epoca le avevano riservato.

 

Chi è MARIA MONETI CODIGNOLA

Maria Moneti Codignola è stata docente di Filosofia Morale all’Università di Firenze. Ha studiato il socialismo utopistico, soprattutto francese, e la filosofia classica tedesca. Ѐ stata membro di alcuni gruppi internazionali di studio su temi di filosofia morale, utopia e bioetica.

 

DETTAGLI

Autore: Maria Moneti Codignola

Prefazione: Eva Cantarella

Editore: La Tartaruga

Collana: Narrativa

Data uscita: 27 giugno 2019

Formato: brossura

Pagine: 284

Listino: € 18,00

EAN: 9788894814194

AMICI E AMANTI Elizabeth Bowen

Bentrovati miei lettori,

dopo la breve pausa estiva, settembre porta sempre con sé il piacere di un nuovo inizio ed eccomi con una recensione, che mi ha riempita di entusiasmo, trascinandomi in atmosfere tipicamente austeniane, ma con qualcosa in più. amici e amanti

Quando ho avuto tra le mani il libro, di cui adesso vi andrò a parlare, non potevo crederci, avevo l’occasione di leggere Elizabeth Bowen…  sì, proprio lei, la grande scrittrice irlandese!

Nello specifico mi riferisco al suo terzo romanzo, AMICI E AMANTI, edito da La Tartaruga Edizioni, nella traduzione di Laura Noulian, che mette a nudo un certo manierismo, nella sua raffinata elaborazione stilistica, che nella Bowen non è mai fine a se stessa e dove l’ispirazione passionale prevale su quel conformismo di classe, alimentato dall’ipocrisia e dal compromesso.

AMICI E AMANTI è costruito attorno ai matrimoni delle sorelle Studdart, Janet, la maggiore e Laurel, entrambe andate in sposa a due uomini molto diversi: Edward, il marito di Laurel, è dotato di una malinconica chiusura verso gli altri, quindi introverso e un po’serioso; Rodney, invece, sposo di Janet, è una persona semplice, sempre ben disposto, è soddisfatto di ciò che ha saputo costruire, felice di godersi quella routine quotidiana, che Janet ha saputo impostare a Battes.

Il libro, suddiviso in due parti, mette in scena due periodi nella vita matrimoniale delle sorelle: nella prima parte tutto apparentemente sembra scorre in modo sereno, mentre nell’ultima, con un salto temporale di 10 anni, l’autrice capovolgendo le situazioni, rimettendo ogni cosa in discussione.

Edward più o meno chiaramente ammise un terrore dell’amore nelle sue più profonde implicazioni, un’avversione più che morale per la crudele sconvenienza, la sconveniente crudeltà della passione.

Il matrimonio delle sorelle sembra in un certo qual modo cambiare nel momento in cui Lady Elfrida, suocera di Laurel, va ospite in casa di Janet, mentre si trova lì il prozio di Rodney, Considine, suo antico amante, che rappresenta quell’avvenimento a causa del quale gli apparenti equilibri iniziali s’infrangono. Edward, figlio di Lady Elfrida, infastidito dalla presenza di Considine, perde il controllo, facendo riaffiorare sentimenti messi a tacere per anni. Quindi le passioni represse, la gelosia, l’abbandono, la rabbia diventano motivo di rottura di quella stabilità iniziale, che l’autrice ha costruito con estrema precisione.

Se Edward fosse mai, immagino, sgarbato… (Edward è devoto: dicono che gli uomini difficili possono essere davvero molto devoti. Non so; non ho mai vissuto con un uomo difficile. Hanno La loro vita a Londra, fanno visite… conoscono…).

L’amore tradito, le agonie del cuore di Edward e Janet sono tutte verità protette da quelle convenzioni, che nel mondo di maniera non vanno mai intaccate.

Eppure, il senso del dovere, con la conseguenziale paura di uno scandalo, già vissuto da Edward a causa di Lady Elfrida, madre fedifraga e divorziata, farà sì che tutti si impegnino a ritrovare la serenità di un tempo, le coppie si riequilibrano e solo con la riappacificazione Elizabeth Bowen conclude il suo romanzo, mostrando Janet e Laurel insieme, nella casa paterna, a Corunna Lodge, in un radioso pomeriggio di settembre.

Il mondo di Janet era essenzialmente domestico; bramava l’ordine, distingueva fra afflizione e rancore, e biasimava quest’ultimo, considerandolo un impedimento.

Amici e amanti riconduce il lettore a quel genere noto come comedy of manners, in italiano commedia di costume, che vede in Jane Austen uno dei sui più importanti esponenti.

Il lessico in Elizabeth Bowen è articolato e ben strutturato, vario, ricco, forbito e la trama nella sua complessità richiede concentrazione e attenzione. I personaggi sono descritti nei minimi particolari, delineati soprattutto nei tratti psicologici. Come Theodora, amica delle sorelle Studdart, un personaggio estremamente moderno nel modo di vivere e nel suo rapportarsi agli altri, una figura femminile dalla personalità intrigante, irrequieta e comunque anacronistica.

La trama, nella sua apparente complessità, cela tutte quelle verità che l’autrice riesce a mascherare e che il lettore è chiamato a decifrare.

L’intero romanzo è un piccolo microcosmo, un palcoscenico a rappresentazione di quell’universo sociale, interpretabile attraverso le conversazioni sostenute dai personaggi con stretti legami, sia familiari che di amicizia, dove i grandi eventi, i piccoli gesti, gli sguardi servono a tessere un’intera vita, fatta di intrecci e attraversata da ombre e segreti.

Lo schema narrativo della Bowen, costruito con eleganza strutturale e ricercatezza lessicale, mostra uno spaccato di vita i cui equilibri, retti dalle convenzioni, in realtà richiamano a un ordine che, se pur ricercato, è solo apparente. Armonia e stabilità iniziali perdurano fino a quando un avvenimento improvviso o una confidenza servono per mette a nudo il vero.

Un po’ come accade nella vita reale dove, molto spesso, dietro il velo delle apparenze, si cela la più torbida delle verità.

Nell’oscurità spuntò il volto di Hermione, le braccia, tutto il corpo.

Sussurrò: <<Mi vuoi bene? Mi vuoi bene davvero?>>

Janet immerse il volto nel cuscino. <<Ѐ un segreto.>>

<<Mi vuoi così tanto bene che è un segreto?>>

<<Tu sei il mio tesoro>>

<<Mamma, hai un profumo così buono, ti mangerei… Più che a chiunque altro mi vuoi bene?>>

Non lontano, Anna giaceva tendendo inutilmente le orecchie nella nuova, opprimente oscurità; attendeva che Janet si districasse dall’abbraccio di Hermione.

Interessantissima la prefazione di Natalia Aspesi, così come la postfazione di Grazia Livi.

 

QUARTA DI COPERTINA

Nell’Inghilterra del primo Novecento, due giovani donne di “buona” famiglia borghese, Laurel e Janet si sposano. Laurel è la maggiore, ed è da sempre la prima donna: bellissima, un po’ svagata, romantica. Janet, più piccola, è meno bella ma è brillante: indipendente, intelligente, dalla personalità forte e decisa. Edward – il miglior partito possibile: ricco, bello, serissimo, discreto – è attratto da Janet, ma sposa Laurel, per rispetto alle convenzioni sociali. Ma questa attrazione per la cognata resta sempre latente, sempre sul punto di esplodere, anche quando Janet sposa Rodney, un bell’uomo ricco, estroverso e innamorato. Elfrida, la madre di Edward, donna bellissima e scandalosa, divorziata, libertina, incombe come un’ombra nella vita delle due coppie, mettendo costantemente alla prova le due sorelle con la sua pacata ma consapevole trasgressività. In questo delicato intreccio di amori, tradimenti e sospetti, la tensione resta sempre alta in un gioco di forza con la compostezza dell’alta società, mentre le tre donne sperimentano la forza dei sentimenti e della passione, sempre in bilico tra il piacere e la convenienza.

 

Chi è Elizabeth Bowen

Elizabeth Bowen (1899-1973) è una delle più grandi scrittrici irlandesi. Autrice di numerosi romanzi di successo, ricevette la laurea honoris causa in Letteratura dal Trinity College di Dublino e dall’Università di Oxford.

Nel 1948 fu insignita dell’onorificenza britannica BBE – Commendatore dell’Impero Britannico.

 

DETTAGLI

AUTORE: Elizabeth Bowen

Editore: La Tartaruga

Collana: Narrativa

Data pubblicazione: 27 giugno 2019

Pagine: 234

Prezzo: € 19,00

EAN: 9788894814187

Traduzione di Laura Noulian

Prefazione di Natalia Aspesi

Postfazione di Grazia Livi