AMICI E AMANTI Elizabeth Bowen

Bentrovati miei lettori,

dopo la breve pausa estiva, settembre porta sempre con sé il piacere di un nuovo inizio ed eccomi con una recensione, che mi ha riempita di entusiasmo, trascinandomi in atmosfere tipicamente austeniane, ma con qualcosa in più. amici e amanti

Quando ho avuto tra le mani il libro, di cui adesso vi andrò a parlare, non potevo crederci, avevo l’occasione di leggere Elizabeth Bowen…  sì, proprio lei, la grande scrittrice irlandese!

Nello specifico mi riferisco al suo terzo romanzo, AMICI E AMANTI, edito da La Tartaruga Edizioni, nella traduzione di Laura Noulian, che mette a nudo un certo manierismo, nella sua raffinata elaborazione stilistica, che nella Bowen non è mai fine a se stessa e dove l’ispirazione passionale prevale su quel conformismo di classe, alimentato dall’ipocrisia e dal compromesso.

AMICI E AMANTI è costruito attorno ai matrimoni delle sorelle Studdart, Janet, la maggiore e Laurel, entrambe andate in sposa a due uomini molto diversi: Edward, il marito di Laurel, è dotato di una malinconica chiusura verso gli altri, quindi introverso e un po’serioso; Rodney, invece, sposo di Janet, è una persona semplice, sempre ben disposto, è soddisfatto di ciò che ha saputo costruire, felice di godersi quella routine quotidiana, che Janet ha saputo impostare a Battes.

Il libro, suddiviso in due parti, mette in scena due periodi nella vita matrimoniale delle sorelle: nella prima parte tutto apparentemente sembra scorre in modo sereno, mentre nell’ultima, con un salto temporale di 10 anni, l’autrice capovolgendo le situazioni, rimettendo ogni cosa in discussione.

Edward più o meno chiaramente ammise un terrore dell’amore nelle sue più profonde implicazioni, un’avversione più che morale per la crudele sconvenienza, la sconveniente crudeltà della passione.

Il matrimonio delle sorelle sembra in un certo qual modo cambiare nel momento in cui Lady Elfrida, suocera di Laurel, va ospite in casa di Janet, mentre si trova lì il prozio di Rodney, Considine, suo antico amante, che rappresenta quell’avvenimento a causa del quale gli apparenti equilibri iniziali s’infrangono. Edward, figlio di Lady Elfrida, infastidito dalla presenza di Considine, perde il controllo, facendo riaffiorare sentimenti messi a tacere per anni. Quindi le passioni represse, la gelosia, l’abbandono, la rabbia diventano motivo di rottura di quella stabilità iniziale, che l’autrice ha costruito con estrema precisione.

Se Edward fosse mai, immagino, sgarbato… (Edward è devoto: dicono che gli uomini difficili possono essere davvero molto devoti. Non so; non ho mai vissuto con un uomo difficile. Hanno La loro vita a Londra, fanno visite… conoscono…).

L’amore tradito, le agonie del cuore di Edward e Janet sono tutte verità protette da quelle convenzioni, che nel mondo di maniera non vanno mai intaccate.

Eppure, il senso del dovere, con la conseguenziale paura di uno scandalo, già vissuto da Edward a causa di Lady Elfrida, madre fedifraga e divorziata, farà sì che tutti si impegnino a ritrovare la serenità di un tempo, le coppie si riequilibrano e solo con la riappacificazione Elizabeth Bowen conclude il suo romanzo, mostrando Janet e Laurel insieme, nella casa paterna, a Corunna Lodge, in un radioso pomeriggio di settembre.

Il mondo di Janet era essenzialmente domestico; bramava l’ordine, distingueva fra afflizione e rancore, e biasimava quest’ultimo, considerandolo un impedimento.

Amici e amanti riconduce il lettore a quel genere noto come comedy of manners, in italiano commedia di costume, che vede in Jane Austen uno dei sui più importanti esponenti.

Il lessico in Elizabeth Bowen è articolato e ben strutturato, vario, ricco, forbito e la trama nella sua complessità richiede concentrazione e attenzione. I personaggi sono descritti nei minimi particolari, delineati soprattutto nei tratti psicologici. Come Theodora, amica delle sorelle Studdart, un personaggio estremamente moderno nel modo di vivere e nel suo rapportarsi agli altri, una figura femminile dalla personalità intrigante, irrequieta e comunque anacronistica.

La trama, nella sua apparente complessità, cela tutte quelle verità che l’autrice riesce a mascherare e che il lettore è chiamato a decifrare.

L’intero romanzo è un piccolo microcosmo, un palcoscenico a rappresentazione di quell’universo sociale, interpretabile attraverso le conversazioni sostenute dai personaggi con stretti legami, sia familiari che di amicizia, dove i grandi eventi, i piccoli gesti, gli sguardi servono a tessere un’intera vita, fatta di intrecci e attraversata da ombre e segreti.

Lo schema narrativo della Bowen, costruito con eleganza strutturale e ricercatezza lessicale, mostra uno spaccato di vita i cui equilibri, retti dalle convenzioni, in realtà richiamano a un ordine che, se pur ricercato, è solo apparente. Armonia e stabilità iniziali perdurano fino a quando un avvenimento improvviso o una confidenza servono per mette a nudo il vero.

Un po’ come accade nella vita reale dove, molto spesso, dietro il velo delle apparenze, si cela la più torbida delle verità.

Nell’oscurità spuntò il volto di Hermione, le braccia, tutto il corpo.

Sussurrò: “Mi vuoi bene? Mi vuoi bene davvero?”

Janet immerse il volto nel cuscino. “Ѐ un segreto.”

“Mi vuoi così tanto bene che è un segreto?”

“Tu sei il mio tesoro.”

“Mamma, hai un profumo così buono, ti mangerei… Più che a chiunque altro mi vuoi bene?”

Non lontano, Anna giaceva tendendo inutilmente le orecchie nella nuova, opprimente oscurità; attendeva che Janet si districasse dall’abbraccio di Hermione.

Interessantissima la prefazione di Natalia Aspesi, così come la postfazione di Grazia Livi.

 

 

QUARTA DI COPERTINA

Nell’Inghilterra del primo Novecento, due giovani donne di “buona” famiglia borghese, Laurel e Janet si sposano. Laurel è la maggiore, ed è da sempre la prima donna: bellissima, un po’ svagata, romantica. Janet, più piccola, è meno bella ma è brillante: indipendente, intelligente, dalla personalità forte e decisa. Edward – il miglior partito possibile: ricco, bello, serissimo, discreto – è attratto da Janet, ma sposa Laurel, per rispetto alle convenzioni sociali. Ma questa attrazione per la cognata resta sempre latente, sempre sul punto di esplodere, anche quando Janet sposa Rodney, un bell’uomo ricco, estroverso e innamorato. Elfrida, la madre di Edward, donna bellissima e scandalosa, divorziata, libertina, incombe come un’ombra nella vita delle due coppie, mettendo costantemente alla prova le due sorelle con la sua pacata ma consapevole trasgressività. In questo delicato intreccio di amori, tradimenti e sospetti, la tensione resta sempre alta in un gioco di forza con la compostezza dell’alta società, mentre le tre donne sperimentano la forza dei sentimenti e della passione, sempre in bilico tra il piacere e la convenienza.

 

Chi è Elizabeth Bowen

Elizabeth Bowen (1899-1973) è una delle più grandi scrittrici irlandesi. Autrice di numerosi romanzi di successo, ricevette la laurea honoris causa in Letteratura dal Trinity College di Dublino e dall’Università di Oxford.

Nel 1948 fu insignita dell’onorificenza britannica BBE – Commendatore dell’Impero Britannico.

 

DETTAGLI

AUTORE: Elizabeth Bowen

Editore: La Tartaruga

Collana: Narrativa

Data pubblicazione: 27 giugno 2019

Pagine: 234

Prezzo: € 19,00

EAN: 9788894814187

Traduzione di Laura Noulian

Prefazione di Natalia Aspesi

Postfazione di Grazia Livi

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...