GLI AUTUNNALI Luca Ricci

Ricordarsi che il processo è essenzialmente studio dell’uomo; non dimenticarsi mai che tutte le nostre simmetrie sistematiche, tutte le nostre elegantiae juris, diventano schemi illusori se non ci avvediamo che al di sotto di essi di vero e di vivo non ci sono che gli uomini, colle loro luci e loro ombre, con le loro virtù e le loro aberrazioni.

IMG_20200530_162142.pngCosa accade quando, scavalcando la soglia del razionale, permettiamo al passato di confondersi con il presente, mescolando illusioni e sentimenti?

Il protagonista de Gli autunnali di Luca Ricci è un uomo senza nome, immerso in un matrimonio claustrofobico e noioso: “Non c’era scampo, non c’era salvezza” si sentiva come se vivesse “in scatole contenute in altre scatole, come in un quadro di Escher, come in una matrioska infinita…”.

Sino a quando, in una Roma d’inizio autunno, il protagonista, sfogliando un libro usato trovato in un mercatino rionale, rimane folgorato da una stampa di Jeanne Hébuterne, compagna dell’artista Amedeo Modigliani. Ed è così che Jeanne diviene l’unico elemento in grado di destabilizzare la crescente monotonia, per risolversi in un’ossessione.

L’amore folle, in cui si perde il protagonista, trova la sua ragion d’essere nel momento in cui la moglie Sandra non decide d’invitare a cena la cugina Gemma, che sembra somigliare in modo straordinario a Jeanne, in un autunno “in cui ognuno poteva essere come gli pareva, assumere la forma che preferiva.” L’irrazionale sovverte ogni logica, spingendolo a credere che Jeanne ricambi i suoi sentimenti attraverso Gemma, sua incarnazione vivente. Non gli rimane altro da fare che pianificare l’adulterio. Perché “Jeanne era la misura di tutte le cose, era il pensiero che conteneva tutti gli altri…”

Gli autunnali, edito da La nave di Teseo, è disponibile in tutte le librerie dal 22 febbraio 2018, un romanzo intenso e tormentato, candidato al Premio Strega 2018, che ha preso spunto da altri racconti di Luca Ricci, come lui stesso sottolinea nella nota conclusiva al romanzo.

Con Gli autunnali l’autore offre al lettore un’accurata indagine psicologica di ciò che rimane di un matrimonio, consumato nell’assoluta indifferenza, nel momento in cui ci si lascia coinvolgere da un amore portato alle estreme conseguenze. Dietro ogni parola del protagonista si celano i segreti del suo inconscio e di quella continua lotta contro i desideri a lungo repressi, che nella prostituta Kainene trovano un loro brutale sfogo.

Avevo sfogato un istinto, soddisfatto un bisogno, per darmi ancora di più a Gemma. Più precisamente quel vicolo aveva ristabilito un equilibrio nella mia vita, perfino un’armonia.  

Amedeo Modigliani è stato un pittore e uno scultore espressionista, ma l’intera struttura narrativa del romanzo sembra richiamare alcuni aspetti di questa corrente artistica e letteraria dei primi del Novecento e che ne Gli autunnali trova la sua massima espressione nell’esasperazione del lato emotivo della realtà a sacrificio di quello immediatamente percettibile.

Una Roma autunnale, decadente, diviene lo sfondo su cui costruire il rapporto uomo–natura, in una trasposizione per cui l’autunno è la stagione dei temperamenti inquieti, “una primavera tetra, una lunga agonia delle cose, compresi noi, l’esercitazione annuale (la prova generale?) in vista del trapasso.”

Se l’autunno era il culto, il parco era il tempio, la panchina l’altare, il cappotto la tonaca, le foglie l’incenso, il bacio l’ostia e Jeanne la sacerdotessa.

E dato che l’espressionismo ha un carattere metropolitano, si sofferma sull’aspetto estetico della metropoli, spazio in cui l’uomo moderno subisce il massimo dello stress causato dalle veloci trasformazioni sociali, Roma diviene lo spazio entro cui il protagonista si dilunga in passeggiate con l’amico Gittani, una Roma velata dai ricordi del passato e sempre in continuo mutamento.

Il chiostro Bramante era stato la fine di una storia d’amore; piazza Farnese un campo di calcio coi giacchetti al posto dei pali; il Pantheon il furto del portafoglio (con dentro la patente presa da un mese); la fontana dei Quattro Fiumi una cazzottata per futili motivi.

Anche il linguaggio del protagonista serve a mettere in risalto la sua distorta realtà emotiva, dentro cui trovano un apparente rifugio sentimenti e frustrazioni, a espressione di quell’istintivo moto di ribellione, che porrà fine al racconto con il sopraggiungere dell’inverno, a dissipazione del suo mondo.

L’amore non c’è, non esiste. Ci s’incapriccia di perfetti sconosciuti e si combinano un sacco di cazzate, perché fare cazzate ci mantiene allegri, ci fa sentire vivi. Sempre ci s’innamora e mai si ama.

L’amore con Luca Ricci si fa totalizzante, ossessivo e in quanto tale irrazionale, Gli autunnali è quindi la storia di un amour fou, un amore folle, scritta con maestria, che tiene con il fiato sospeso fino alle ultime pagine, a conclusione delle quali anche il lettore sarà consumato da quell’unico dubbio, che solo una logica distorta riesce a insinuare.

“E allora che c’è?”

“Non c’è niente”, dissi. “Sono un uomo autunnale.”

“Questa è bella! Potrebbe essere il titolo di un romanzo: Gli autunnali.”

 

 

QUARTA DI COPERTINA

Un uomo, al rientro dalle vacanze d’agosto, è prigioniero del suo stanco rapporto matrimoniale. La moglie Sandra è ancora bella, ma lui non riesce più a provare desiderio per lei. Durante una passeggiata solitaria in un mercatino di Roma, l’uomo viene attratto da un vecchio volume sugli artisti di Montmartre, e rimane stregato dall’immagine di Jeanne Hébuterne, la compagna di Amedeo Modigliani. Scocca un particolare colpo di fulmine e Jeanne diventa per il narratore un’ossessione. L’uomo strappa la foto, la piega con cura e inizia a portarla sempre con sé, nella propria tasca. Tutto sembra avvenire soltanto nella sua mente, almeno fin quando sua moglie Sandra non invita a cena una vecchia cugina, Gemma, che all’uomo appare identica in tutto e per tutto a Jeanne. E l’ossessione inizia a riversarsi nella realtà, fatalmente, mentre l’autunno romano avvolge le cose nella sua luce struggente e diafana. Luca Ricci, dopo aver incantato critica e lettori con i suoi racconti, esordisce nel romanzo con un sillabario contemporaneo del sentimento amoroso e delle manie di oggi, un ritratto spietato degli uomini e delle loro passioni.

 

Chi è LUCA RICCI

Luca Ricci è nato a Pisa nel 1974 e vive a Roma. Ha scritto L’amore e altre forme d’odio (2006, Premio Chiara, nuova edizione La nave di Teseo, 2020), La persecuzione del rigorista (2008), Come scrivere un best seller in 57 giorni (2009), Mabel dice sì (2012), Fantasmi dell’aldiquà (2014), I difetti fondamentali (2017). Per La nave di Teseo ha pubblicato Gli autunnali (2018, in corso di traduzione nei principali paesi europei), Trascurate Milano (2018) e Gli estivi (2020). Insegna scrittura per Scuola Holden, Belleville, Scuola del Libro e Scuola Fenysia.

 

DETTAGLI

Autore: Luca Ricci

Editore: La nave di Teseo

Titolo: Gli autunnali

Collana: Oceani

Data uscita: 22 Febbraio 2018

Formato: rilegato

Pagine: 224

Prezzo: € 12,00

EAN: 9788893444835

 

8 libri per bambini – LA GIORNATA DELLA TERRA

Devo lasciare un biglietto a mio nipote: la richiesta di perdono per non avergli lasciato un mondo migliore di quello che è.

– Andrea Zanzotto –

 

Sensibilizzare le future generazioni al rispetto e alla tutela ambientale è fondamentale, per evitare che possano commettere i nostri stessi errori! Allora, in occasione della Giornata della Terra, ecco 8 libri da comprare ai piccoli lettori, per educarli da subito al rispetto dell’ambiente.

 

 

LE VOCI DEL BOSCO

“Mauro Corona ci prende per mano e ci accompagna in una passeggiata attraverso i suoi boschi. Dalle pagine di questo piccolo libro, e dai disegni dell’autore che le arricchiscono, impareremo così che ogni albero, come noi, ha una struttura fisica, un carattere, una spiccata inclinazione. Accadrà che ci riconosceremo nell’elegante betulla, nel generoso cirmolo o nella tenacia dolente dell’ulivo nodoso. E ci capiterà anche di scoprire che ogni legno ha una sua “vocazione”, che ogni essenza da il meglio di sé solo in alcune circostanze e per alcuni usi particolari. L’acero, per esempio, che può essere tagliato solo in una certa direzione “perché è un legno bello, elegante, ma di facciata”; oppure il maggiociondolo, utilizzato da secoli per le spine delle botti e i pali delle vigne perché l’alcol, a differenza di ciò che fa con gli uomini, non riesce a distruggerlo. Se, silenziosamente attratti dalla profonda umanità della natura, lasciamo le nostre città, facciamo silenzio, e sotto la guida di Mauro Corona ci addentriamo nel bosco, queste e molte altre saranno le sorprese che incontreremo…” Mauro Corona, Le voci del bosco, Mondadori.

 

 

 

LA STORIA DI UNA GABBIANELLA E DEL GATTO CHE LE INSEGNÒ A VOLARE

I gabbiani sorvolano la foce dell’Elba, nel mare del Nord. “Banco di aringhe a sinistra” stride il gabbiano di vedetta e Kengah si tuffa. Ma quando riemerge, il mare è una distesa di petrolio. A stento spicca il volo, raggiunge la terra ferma, ma poi stremata precipita su un balcone di Amburgo. C’è un micio nero di nome Zorba su quel balcone, un grosso gatto cui la gabbiana morente affida l’uovo che sta per deporre, non prima di aver ottenuto dal gatto solenni promesse: che lo coverà amorevolmente, che non si mangerà il piccolo e che, soprattutto, gli insegnerà a volare. E se per mantenere le prime due promesse sarà sufficiente l’amore materno di Zorba, per la terza ci vorrà una grande idea e l’aiuto di tutti. Luis Sepùlveda La storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare, Salani Editore.

 

 

 

STORIA DELL’IMMONDIZIA

Un simpatico personaggio guida e il suo cane mascotte accompagnano il lettore in un percorso dalla Preistoria ai giorni nostri per analizzare lo scottante tema della sovrapproduzione e dello smaltimento dei rifiuti. Dalla discarica di Atene alla Cloaca Maxima di Roma, passando attraverso il tanfo e i bacilli pestilenziali del Medioevo, per finire con lo smog della prima rivoluzione industriale e le montagne di rifiuti non biodegradabili dell’età contemporanea, si scopre che la gestione dell’immondizia è un problema vecchio quanto il mondo e che ogni civiltà si è impegnata ad affrontarlo e risolverlo inventando soluzioni ingegnose. Il linguaggio umoristico e i divertenti fumetti che intervallano il testo agevolano la lettura e rendono questo libro adatto a un pubblico vasto e differenziato. Mirco Maselli, Storia dell’immondizia, edito da Giunti.

 

 

 

C’ERA UN’ALTRA VOLTA. La seconda vita dei rifiuti

I protagonisti di “Storia dell’immondizia” continuano il loro viaggio nello scottante tema della sovrapproduzione e dello smaltimento dei rifiuti. Dopo aver scorrazzato tra i problemi e le ingegnose soluzioni delle civiltà del passato, l’econauta e il suo fido segugio si addentrano nelle montagne di rifiuti non biodegradabili dell’età contemporanea e analizzano i vari metodi di riduzione, recupero, riciclaggio e riutilizzo. Biodegradabilità, isole ecologiche, impianti di selezione, termovalorizzatori e discariche non avranno più segreti! Annalisa Ferrari e Mirco Maselli, C’era un’altra volta. La seconda vita dei rifiuti, Editoriale Scienza.

 

 

 

POSSIAMO SALVARE IL MONDO PRIMA DI CENA

“Nessuno se non noi distruggerà la terra e nessuno se non noi la salverà… Noi siamo il diluvio, noi siamo l’arca.”. Il tema dell’emergenza climatica affrontato in un libro che ha l’urgenza di un pamphlet e il fascino di un romanzo. Qualcuno si ostina a liquidare i cambiamenti climatici come fake news, ma la gran parte di noi è ben consapevole che se non modifichiamo radicalmente le nostre abitudini l’umanità andrà incontro al rischio dell’estinzione di massa. Lo sappiamo, eppure non riusciamo a crederci. E di conseguenza non riusciamo ad agire. Il problema è che l’emergenza ambientale non è una storia facile da raccontare e, soprattutto, non è una buona storia: non spaventa, non affascina, non coinvolge abbastanza da indurci a cambiare la nostra vita. Per questo rimaniamo indifferenti, o paralizzati: la stessa reazione che suscitò Jan Karsky, il «testimone inascoltato», quando cercò di svelare l’orrore dell’Olocausto e non fu creduto. In tempo di guerra, veniva chiesto ai cittadini di contribuire allo sforzo bellico: ma qual è il confine tra rinuncia e sacrificio, quando in gioco c’è la nostra sopravvivenza, o la sopravvivenza dei nostri figli? E quali sono le rinunce necessarie, adesso, per salvare un mondo ormai trasformato in una immensa fattoria a cielo aperto? Nel suo nuovo libro, Jonathan Safran Foer mette in campo tutte le sue risorse di scrittore per raccontare, con straordinario impatto emotivo, la crisi climatica che è anche «crisi della nostra capacità di credere », mescolando in modo originalissimo storie di famiglia, ricordi personali, episodi biblici, dati. Jonathan Safran Foer, Possiamo salvare il mondo prima di cena, edito da Guanda.

 

 

 

STORIE PER RAGAZZE E RAGAZZI CHE VOGLIONO SALVARE IL MONDO

Le star hollywoodiane Emma Watson e Leonardo DiCaprio, il Premio Nobel Wangari Maathai, il pluripremiato fotografo Sabastião Salgado e la determinata attivista svedese Greta Thunberg potranno sembrarti persone molto diverse fra loro. Eppure hanno qualcosa in comune. Hanno capito che salvare il mondo si può, giorno dopo giorno. Sin da piccoli. Le loro passioni li hanno portati a vivere esperienze incredibili e a diventare donne e uomini straordinari con una missione urgentissima: lottare per la salvaguardia dell’ambiente. Ognuno si è impegnato a modo proprio, ma tutti si sono schierati in prima linea, con iniziative concrete che hanno fatto e faranno la differenza. Diciassette eroi descritti in sedici ritratti; sedici storie esemplari magnificamente illustrate e un unico messaggio di vitale importanza: non si è mai troppo piccoli per difendere il mondo.

Con le storie di: Vandana Shiva · Leonardo DiCaprio · Dian Fossey · Al Gore Emma Watson · Tiziano Guardini · Wangari Maathai Rigoberta Menchu Tum · Pierre Rabhi · Jadav Payeng Greta Thunberg · Sebastião Salgado · Björk · Jun Ma Yvon Chouinard · Bob Brown & Nicole Anderson. Carola Benedetto Luciana Ciliento, Storie per ragazze e ragazzi che vogliono salvare il mondo, De Agostini.

 

 

 

50 COSE DA FARE PER SALVARE LA TERRA

Siamo tutti bravi a parlare di ecologia; sappiamo tutti quanto è importante un corretto rapporto con l’ambiente. Gli insegnanti lo spiegano a scuola, i genitori fanno raccomandazioni. Finora i piccoli hanno imparato che il rispetto per l’ambiente consiste in una serie di divieti. Usando questo libro scopriranno che possono fare tante cose, e che salvare la Terra è anche divertente. The Earthworks Group 50 cose da fare per salvare la terra, Salani Editore.

 

 

 

IL PIANETA LO SALVO IO! IN 101 MOSSE

Questo ingegnoso “manuale” indirizzato ai ragazzi suggerisce divertendo i modi possibili per contribuire concretamente alla salvaguardia del pianeta per sé e per le generazioni future. Alla luce dello slogan “La generazione dei tuoi genitori ha messo a rischio il pianeta, ora tocca a te salvarlo” un grande tema d’attualità si traduce in 101 proposte concrete che vanno da come rendere più “verde” la propria abitazione a come fare la spesa, dalla regola delle 4 R – Ridurre, Riutilizzare, Riparare, Riciclare – a come limitare l’inquinamento ambientale nei corsi d’acqua. Il testo è accompagnato da buffi disegni, il tono è leggero ma gli argomenti sono assolutamente seri: il giovane “ecologista” potrà così promuovere piccoli ma importanti cambiamenti a casa e a scuola, e contribuire a sensibilizzare gli adulti. Jacquie Wines, Il pianeta lo salvo io! in 101 mosse, EDT- Giralangolo.

 

6 libri per LA GIORNATA DELLA TERRA

Amo gli alberi. Sono come noi. Radici per terra e testa verso il cielo.

– Erri De Luca –

 

Dal 22 aprile 1970 si festeggia la Giornata della Terra (Earth Day), su proposta dell’attivista John McConnell, durante la quale si celebra la salvaguardia ambientale del nostro pianeta, una giornata quindi per tutti coloro che hanno a cuore il mondo di oggi e desiderano preservarlo per le future generazioni.

Oggi, 22 aprile 2020, ricorre il 50° anniversario dalla sua istituzione e gli spunti di riflessione di certo non mancano.

Con sistematicità e assoluta indifferenza abbia soffocato un pianeta, fatto che, soprattutto in questi giorni, si è mostrato chiaramente attraverso le varie immagini che abbiamo avuto modo di vedere a testimonianza di come, in assenza dell’uomo, la natura si riappropria dei suoi spazi.

Il pianeta non è solo nostro…

Quando i primi astronauti orbitarono intorno alla Terra, milioni di ascoltatori li sentirono descrivere la sua bellezza: abitiamo un pianeta “simile a una perla azzurrina persa nello spazio”, un mondo dalle cui finite risorse dipendiamo.

Io non sono un ambientalista. Sono un guerriero della Terra.

– DARRYL CHEARNEY-

Perché la sostenibilità ambientale passa per un’unica grande verità: l’essere umano dipende dalle interrelazioni che avvengono all’interno di questo reame di forme vitali, chiamato Terra, dove ogni organismo è collegato a ogni altro essere vivente attraverso labili e al contempo tangibili legami.

L’interdipendenza è una fase costante dell’esistenza, ogni essere vivente partecipa al riciclaggio dell’energia e delle sostanze nutrienti provenienti dall’acqua, dalla terra, dal sole e dall’aria e la nostra sussistenza poggia su questo intricato, delicato e continuo interscambio.

Dovremmo aver capito che la straordinaria caratteristica della materia vivente è quella di sapersi organizzare; la vita, in tendenza opposta al disordine dell’universo, crea ordine dalla materia che la circonda, generando “scorie” in grado di influenzare l’ambiente. Così la biosfera, grazie a una serie di meccanismi naturali di retroazione e al pari di un organismo vivente, fa funzionare i propri sistemi, che consentono la vita sul pianeta. E l’uomo esercita un’incidenza negativa su questi meccanismi, apportando uno squilibrio, che non ha tardato a dare i suoi risultati.

Vi sono diversi saggi che vi vorrei consigliare, ma ho scelto solo 6 libri che a mio avviso trattano la questione ambientale da vari punti di vista e che forniscono interessanti spunti di approfondimento per una tematica tanto ampia.

Buona lettura!

 

DIZIONARIO DELL’AMBIENTE

In oltre trecento voci, i principi, i concetti della scienza ecologica e i molteplici aspetti della problematica ambientale, definiti e spiegati nei loro necessari intrecci con le diverse discipline scientifiche e umane, nelle loro implicazioni giuridiche, politiche, sociali.

Un’opera che si può consultare a vari livelli di approfondimento e nella quale una fitta rete di collegamenti interni consente di seguire molteplici e più generali percorsi di lettura.

Dalla collaborazione di più di 100 specialisti, i fondamenti dell’ecologia e dell’ambientalismo. A cura di Giuseppe Gamba e Giuliano Martignetti, Dizionario dell’ambiente, ISEDI

LA NOSTRA CASA Ѐ IN FIAMME

«Non voglio la vostra speranza. Voglio che proviate la paura che io provo ogni giorno. Voglio che agiate come fareste in un’emergenza. Come se la nostra casa fosse in fiamme. Perché lo è.» Greta Thunberg ha parlato chiaro ai grandi del mondo e ha iniziato così la sua battaglia contro il cambiamento climatico, sostenendo che «nessuno è troppo piccolo per fare la differenza». Lo «sciopero scolastico per il clima» di una solitaria e giovanissima studentessa davanti al Parlamento svedese è diventato un messaggio globale che ha coinvolto in tutto il mondo centinaia di migliaia di ragazzi che seguono il suo esempio in occasione dei #fridaysforfuture. Greta ha dato inizio a una rivoluzione che non pare destinata a fermarsi, una battaglia da combattere per un futuro sottratto alle nuove generazioni al ritmo furioso dei 100 milioni di barili di petrolio consumati ogni giorno.

La nostra casa è in fiamme è la storia di Greta, dei suoi genitori e di sua sorella Beata, che come lei soffre di disturbi dello spettro autistico. È il racconto di come una famiglia svedese si sia trovata ad affrontare una crisi imminente, quella che ha travolto il nostro pianeta. È la presa di coscienza di come sia urgente agire ora, quando nove milioni di persone ogni anno muoiono a causa dell’inquinamento. È il «grido d’aiuto» di una ragazzina che ha convinto la propria famiglia a cambiare vita e ora sta cercando di convincere il mondo intero. Greta Thumberg, La nostra casa è in fiamme, Mondadori.

ENTRO I LIMITI DEL NOSTRO PIANETA

La problematica ambientale, nella sua pluralità di dimensioni, si impone sempre più come tematica culturale da indagare nel suo percorso storico a partire dalle attente riflessioni compiute da studiosi straordinariamente eclettici ma anche trascurati dai più negli specifici studi. Veri precursori, in non pochi casi, del dibattito attuale, non possono non essere riconsiderati nella ricerca di ipotesi alternative sulle quali costruire nuovi, più equilibrati e sostenibili, modelli di sviluppo. Nel volume si riflette su questi aspetti attraverso scritti di studiosi, proposte politiche e relative azioni all’interno di un arco temporale compreso tra l’inizio dell’Ottocento e i giorni nostri. Caterina Madau, Entro i limiti del nostro pianeta, Pàtron Editore

LA GRANDE CECITÀ. Il cambiamento climatico e l’impensabile

Nei primi anni del XXI secolo Amitav Ghosh lavorava alla stesura de Il paese delle maree, il romanzo che si svolge nelle Sundarban, l’immenso arcipelago di isole che si stende fra il mare e le pianure del Bengala. Occupandosi della grande foresta di mangrovie che le ricopre, Ghosh scoprì che i mutamenti geologici che ciclicamente vi avvenivano – un argine poteva sparire nell’arco di una notte, trascinando con sé case e persone – stavano diventando qualcos’altro: un cambiamento irreversibile, il segno di un inarrestabile ritrarsi delle linee costiere e di una continua infiltrazione di acque saline su terre coltivate.
Che un’intera area sotto il livello del mare come le Sundarban possa essere letteralmente cancellata dalla faccia della terra non è cosa da poco. Mostra che l’impatto accelerato del surriscaldamento globale è giunto ormai a minacciare l’esistenza stessa di numerose zone costiere della terra.
La domanda, per Ghosh, nacque perciò spontanea. Come reagisce la cultura e, in modo particolare, la letteratura dinanzi a questo stato di cose? La risposta è contenuta in questo libro in cui l’autore della trilogia della «Ibis» ritorna con efficacia alla scrittura saggistica.
La cultura è, per Ghosh, strettamente connessa con il mondo della produzione di merci. Ne induce i desideri, producendo l’immaginario che l’accompagna.
Una veloce decappottabile – un prodotto per eccellenza dell’economia basata sui combustibili fossili – non ci attrae perché ne conosciamo minuziosamente la tecnologia, ma perché evoca l’immagine di una strada che guizza in un paesaggio incontaminato; pensiamo alla libertà e al vento nei capelli; a James Dean e Peter Fonda che sfrecciano verso l’orizzonte; a Jack Kerouac e a Vladimir Nabokov. Questa cultura, così intimamente legata alla storia del capitalismo, è stata capace di raccontare guerre e numerose crisi, ma rivela una singolare, irriducibile resistenza ad affrontare il cambiamento climatico.
Quando il tema del cambiamento climatico appare, infatti, in una qualche pubblicazione, si tratta quasi sempre di saggistica.
La rara e fugace comparsa di questo argomento in narrativa è sufficiente a relegare un romanzo o un racconto nel campo della fantascienza.
Che cosa è in gioco in questa resistenza? Un fallimento immaginativo e culturale che sta al cuore della crisi climatica?
Un occultamento della realtà nell’arte e nella letteratura contemporanee tale che «questa nostra epoca, così fiera della propria consapevolezza, verrà definita l’epoca della Grande Cecità»? Amitav Ghosh, La grande cecità, Neri Pozza Editore

VIVERE SENZA PLASTICA

Una guida per cambiare il mondo, una bottiglia di plastica alla volta. Circa 12,7 milioni di tonnellate di plastica stanno invadendo l’oceano ogni anno, uccidendo oltre un milione di uccelli e 100.000 mammiferi marini. Entro il 2050 potrebbe esserci più plastica nell’oceano che pesci, in termini di peso. Questo tipo di inquinamento è il flagello ambientale della nostra epoca, ma come si può modificare questa situazione? Questa guida accessibile a tutti, scritta dall’attivista in prima linea nel movimento anti-plastica, analizza il problema con esempi concreti raccolti in giro per il mondo e fornisce i consigli adatti per realizzare piccoli cambiamenti che fanno una grande differenza, dall’acquisto di stoviglie riutilizzabili alla pulizia del parco o della spiaggia vicino a casa. La plastica non si elimina senza combattere. Abbiamo bisogno di un movimento composto da miliardi di gesti individuali, che unisca persone provenienti da tutti gli ambienti e da tutte le culture. Questo libro vuole essere una “chiamata alle armi” per unire le forze in tutto il mondo e porre fine alla nostra dipendenza dalla plastica. Will Mccallum, Vivere senza plastica, HarperCollins Italia

 

ATMOSFERA Istruzioni per l’uso

Effetto serra, inquinamento, buco dell’ozono: il libro vuole essere un manuale divulgativo per conoscere l’atmosfera e, di conseguenza, imparare a proteggerla, perchè, sostengono gli autori, il problema, a questo punto, è quello di compiere le scelte giuste per sopravvivere. alcuni capitoli, quelli relativi alla condanna a morte di Cristo). Rinchiuso in manicomio, come indesiderabile, viene liberato grazie all’intervento di Margherita, la donna da lui amata, che accetta di diventare strega e per una notte guidare il gran sabba di Satana. una versione dall’italiano. ra di una zia vedova e più matura che finirà per sposare. Piero Angela e Lorenzo Pinna Atmosfera istruzioni per l’uso Mondadori

10 LIBRI DI VIAGGIO

Durante questo stranito 2020, le vacanze non riesco neppure a immaginarle: chiudo gli occhi e, oltre a un orizzonte troppo lontano per essere raggiunto, mi vengono alla mente bagnini e bagnanti in mascherina… un incubo!

E allora che fare?

Iniziare a viaggiare con la mente può essere d’aiuto, surrogato a una remota prospettiva che ci vede a cuor leggero dedicare del tempo a fare la valigia. Non sarà la stessa cosa, eppure un buon libro rappresenta sempre una destinazione avvincente!

M’abbandono all’adorabile viaggio: leggere, vivere dove guidano le parole.

Paul Valéry-

I libri di viaggio offrono un biglietto di sola andata per essere proiettati verso luoghi al momento preclusi, ve ne sono diversi coinvolgenti e senza andare troppo in là, la storia è piena di scrittori che si sono dedicati a questo genere, basti pensare a Marco Polo con Il Milione o a Viaggio in Italia di Goethe, ve ne consiglierò qualcuno che spero possa fare al caso vostro; quanto meno potrà servire da ispirazione per giorni migliori.

Allora pronti a partire, andiamo…

 

QUATTRO CONVERSAZIONI SULL’EUROPA

Europeo per nascita e per vocazione, cresciuto al crocevia tra Italia, Francia e Germania, Philippe Daverio ci accompagna in alcune riflessioni sul passato del vecchio continente e sulla sua eredità intellettuale. Si inserisce così nel dibattito politico attuale con la sua autorevole voce di storico dell’arte e antropologo culturale. Il presupposto è che l’Europa è la nostra casa comune, una condivisa visione del mondo, con uno stesso linguaggio artistico, musicale, architettonico e addirittura gastronomico. Partendo dal pensiero di alcuni grandi maestri dell’Ottocento e Novecento, tra cui Victor Hugo e Sir Winston Churchill, Altiero Spinelli e Paul Valéry, che hanno immaginato un’Europa unita, il discorso si sposta poi su alcuni periodi storici, come il Rinascimento carolingio o le corti del Settecento, per approfondire le differenze e le contaminazioni fra i vari Paesi. Alla fine si può quindi addirittura affermare, provocatoriamente, che “il senso dell’Europa sta anche nei sensi: guardiamo, ascoltiamo, sentiamo, annusiamo, mangiamo in modo diverso dagli altri popoli e in questo stanno le nostre radici comuni”. Philippe Daverio, Quattro conversazioni sull’Europa, Rizzoli.

borghi-sicilia

BORGHI DI SICILIA

Far conoscere l’isola attraverso traiettorie insolite e coinvolgenti: questo è l’intento del libro Borghi di Sicilia.

Grazie a testi compositi e al prezioso corredo iconografico, viene presentata una Sicilia lontana dagli stereotipi, unica e misteriosa, costellata di realtà insospettabili e sorprendenti, che lascia a bocca aperta anche chi, l’isola, pensa di conoscerla bene.

Ciascuno dei borghi per le sue caratteristiche e tutti quanti insieme ne raccontano così il volto poco conosciuto e non sufficientemente esplorato, dai significati e dai valori non scontati.

Il libro è stato costruito come progetto corale e collettivo grazie ad autori – tutti rappresentanti competenti e riconosciuti delle relative comunità locali – che li narrano da una “prospettiva interna” con un forte coinvolgimento emotivo.

Soffermandosi su territori caratterizzati da nuclei urbani di dimensioni contenute, poco popolati ed estranei alle consuete traiettorie turistiche, il libro Borghi di Sicilia illustra l’incredibile patrimonio di risorse artistiche, storiche, culturali, enogastronomiche e paesaggistiche che i borghi offrono a chiunque voglia visitarli. Edito da Dario Flaccovio Editore, Borghi di Sicilia è un libro a cura di Fabrizio Ferreri e Emilio Filadelfo Messina.

 

L’ULTIMO VIAGGIO DI AMUNDSEN

Un grande racconto documentario che indaga uno dei misteri irrisolti dell’esplorazione artica e il tragico destino dell’eroe polare Roald Amundsen.

Il 25 maggio 1928 il dirigibile Italia, tornando da una spedizione al Polo Nord, si schianta sulla banchisa a nord delle isole Svalbard. Il generale Umberto Nobile e gli altri otto sopravvissuti, malati, affamati e sull’orlo della follia, resistono quasi cinquanta giorni in un deserto di ghiaccio, chi aspettando i soccorsi, chi tentando una marcia disperata verso la terraferma. Per salvarli, ma anche per difendere interessi politici e territoriali, si mobilitano Italia, Norvegia, Svezia, Finlandia, Francia e Unione Sovietica, dando inizio a una complessa e spettacolare operazione di soccorso seguita da reporter e cineoperatori di tutto il mondo. Il 18 giugno, a bordo di un idrovolante francese, parte anche il grande eroe polare norvegese Roald Amundsen. Con Nobile, nel 1926, aveva compiuto il primo sorvolo del Polo Nord a bordo del dirigibile Norge. Tra loro era esploso subito uno scontro di personalità e di potere, lasciando poi strascichi di offese reciproche. Eppure Amundsen è impaziente di volare a salvare il rivale, forse anche per il timore di essere stato messo in ombra dalle esplorazioni dei tempi nuovi, ormai in mano agli eroi dell’aria. Ma il Latham 47, che è solo un prototipo mai collaudato, una volta partito scompare per sempre. Amundsen si rendeva conto del rischio che correva? E cos’è successo all’aereo e al suo equipaggio? Monica Kristensen mette in campo sia le sue competenze scientifiche sia la sua esperienza di narratrice per ricostruire la vicenda con commossa accuratezza, arrivando, ragionamento dopo ragionamento, ad avanzare una sua originale interpretazione. E ci regala il ritratto emozionante di un grande eroe al tramonto. Monica Kristensen, L’ultimo viaggio di Amundsen, Iperborea.

 

L’ITALIA Ѐ UN SENTIERO. Storia di cammini e camminatori

Il racconto appassionato dell’Italia vista da quota zero: tra incantevoli sentieri di montagna e tratturi che rievocano pratiche antichissime, tra vie sacre di pellegrinaggio e percorsi che conservano memoria di scenari di guerra, questo libro è un invito irresistibile a uscire di casa e mettersi in cammino.

Per centinaia di migliaia di anni noi umani abbiamo conosciuto solo un modo per muoverci: mettere un passo davanti all’altro. In qualche caso muli e cavalli hanno aiutato, ma per spostarci abbiamo sempre dovuto affrontare lunghe scarpinate. Agli inizi del secolo scorso automobili, treni e aerei hanno sconvolto quest’abitudine, condizionando il nostro corpo e anche il nostro modo di pensare. Camminando ci accorgiamo di riuscire a osservare i luoghi sotto una prospettiva diversa, ci sembra di entrarci meglio, di viverli più in profondità. In queste pagine ritroveremo il piacere di uno sguardo nuovo a partire da luoghi vicini e accessibili: ripercorreremo i passi di Giustino Fortunato sui monti Lattari, quelli dell’inglese Edward Lear in Aspromonte e il cammino degli anarchici nei monti del Matese. Andremo sulla via Vandelli in Toscana e nelle trincee della Grande Guerra. Senza trascurare gli itinerari religiosi, dalle vie francigene ai cammini di Francesco d’Assisi. E ancora, i percorsi classici di escursionismo e trekking, fino al grande sogno del Sentiero Italia: seimila chilometri e più di 380 tappe attraverso tutta la penisola. Natalino Russo, L’Italia è un sentiero. Storie di cammini e camminatori, Laterza.

 

IL NOSTRO PIANETA

Il libro ufficiale per ragazzi della docuserie originale Netflix. Una straordinaria celebrazione delle bellezze naturali del nostro pianeta, con immagini meravigliose tratte dalla serie TV e splendide illustrazioni di piante e animali di terra e di mare, così vivide e realistiche che sembrano vive. Esplora i paesaggi ghiacciati, le giungle impenetrabili e gli immensi oceani, e scopri come tutti questi habitat siano legati l’uno all’altro per creare l’unico luogo che tutti noi chiamiamo casa: IL NOSTRO PIANETA. Questo libro straordinario sarà di ispirazione per grandi e piccini, e il suo messaggio di speranza toccherà il cuore di tutti noi. Con una speciale prefazione del celebre naturalista David Attenborough. Matt Whyman, Il nostro pianeta, HarperCollins.

 

IN MEZZO AL MARE. Storie di giovani rifugiati

Un libro illustrato, vincitore di molti premi, che ha il valore di un documento storico e la potenza di un libro di testimonianza.
Tradotto dai ragazzi della BIBLIOTECA IBBY DI LAMPEDUSA.
1€ di ogni copia venduta sarà devoluto alla Biblioteca.
Tutti i popoli sono stati migranti almeno una volta nella Storia. Spinti da guerre, persecuzioni, fame, molti sono stati i ragazzi e le ragazze che hanno preso la via del mare da soli o insieme ai loro cari, rischiando la vita per cercare rifugio. Questo libro ce lo ricorda, raccontando cinque storie vere. Quella di Ruth, in fuga dalla Germania nazista. Quella di Phu, via dal Vietnam in guerra. Quella di José, che si imbarca per non vivere più nella Cuba di Castro. Quella di Najeeba, che fugge dall’Afghanistan per salvarsi dai talebani. E infine quella di Mohamed, che dalla Costa d’Avorio in piena guerra civile affronta il viaggio per approdare in Italia, dove oggi vive e lavora. Mary Beth Leatherdale e Eleanor Shakespeare, In mezzo al mare, Il Castoro.

 

AUTOSTOP CON BUDDHA. VIAGGIO ATTRAVERSO IL GIAPPONE

Un abile scrittore rievoca il suo viaggio in Giappone, seguendo gli itinerari più inconsueti. Se ne ricava un’immagine nitida e vera, ricca di inquietudini, squilibri, contraddizioni. Ma c’è anche il vivido racconto di un’esperienza fatta di incontri, di persone, di caratteri indimenticabili. L’autore mostra una speciale maestria nella rappresentazione dei tratti psicologici oltre che nella descrizione suggestiva e attenta dei paesaggi e degli stili di vita. Raramente la letteratura di viaggio ha saputo entrare così a fondo e con tanta garbata e partecipe ironia nell’intimo delle persone. Will Ferguson, Autostop con Buddha. Viaggio attraverso il Giappone, Feltrinelli Editore.

 

PATAGONIA EXPRESS

Il diario di viaggio di Sepúlveda in Patagonia e nella Terra del Fuoco: riflessioni, racconti, leggende e incontri che s’intrecciano nel maestoso scenario del Sud del mondo, dove l’avventura non solo è ancora possibile, ma è la più elementare forma di vita. Il vecchio Eznaola, che naviga senza sosta per i canali cercando un vascello fantasma; i gauchos che ogni anno organizzano il “campionato di bugie” della Patagonia; l’aviatore Palacios e lo scienziato Kucimavic; Bruce Chatwin, Butch Cassidy e Sundance Kid… una serie di personaggi eccezionali sullo sfondo di un eccezionale paesaggio. Luis Sepùlveda, Patagonia Express, Guanda.

 

VIAGGIO IN PORTOGALLO

“Questo Viaggio in Portogallo è una storia. Storia di un viaggiatore all’interno del viaggio da lui compiuto, storia di un viaggio che in se stesso ha trasportato un viaggiatore, storia di un viaggio e di un viaggiatore riuniti nella fusione ricercata di colui che vede e di quel che è visto… Prenda il lettore le pagine che seguono come sfida e invito. Faccia il proprio viaggio secondo un proprio progetto, presti minimo ascolto alla facilità degli itinerari comodi e frequentati, accetti di sbagliare strada e di tornare indietro, o, al contrario, perseveri fino a inventare inusuali vie d’uscita verso il mondo. Non potrà fare miglior viaggio.” La storia di un viaggio nell’affascinante terra portoghese si trasforma nello spunto per una riflessione sul viaggiare come esperienza fondamentale. José Seragamo, Viaggio in Portogallo, Feltrinelli Editore.

 

SULLA STRADA

Sal Paradise, un giovane newyorkese con ambizioni letterarie, incontra Dean Moriarty, un ragazzo dell’Ovest. Uscito dal riformatorio, Dean comincia a girovagare sfidando le regole della vita borghese, sempre alla ricerca di esperienze intense. Dean decide di ripartire per l’Ovest e Sal lo raggiunge; è il primo di una serie di viaggi che imprimono una dimensione nuova alla vita di Sal. La fuga continua di Dean ha in sé una caratteristica eroica, Sal non può fare a meno di ammirarlo, anche quando febbricitante, a Città del Messico, viene abbandonato dall’amico, che torna negli Stati Uniti. Jack Kerouac, Sulla strada, Mondadori.

PREMIO DELL’UNIONE EUROPEA PER LA LETTERATURA (EUPL Award) 2020

Il Premio dell’UE per la letteratura si concentra ogni anno su 41 Paesi aderenti al programma Europa creativa, un’iniziativa che mira a rafforzare i settori culturali e creativi dell’Europa, con l’obiettivo di celebra la ricchezza della letteratura contemporanea europea e il patrimonio culturale e linguistico del continente.

La prima edizione del premio risale al 2009 e da allora sono stati premiati 122 autori; i vincitori di quest’anno saranno selezionati da 13 Paesi: Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Germania, Kosovo, Lussemburgo, Montenegro, Macedonia del Nord, Norvegia e Spagna.

In attesa dell’assegnazione del premio, che avverrà il 19 maggio, è stata comunicata la shortlist delle 47 opere selezionate.

L’Italia ha vinto le edizioni EUPL 2019, 2015, 2012 e 2009, i vincitori sono stati rispettivamente:

  • Giovanni Dozzini, E Baboucar guidava la fila, Minimum fax, 2019
  • Lorenzo Amurri, Apnea, Fandango 2015;
  • Emanuele Trevi, Qualcosa di scritto, Ponte alle Grazie, 2012;
  • Daniele del Giudice, Orizzonte mobile, Einaudi, 2009.

La selezione di quest’anno è la seguente:

BELGIO

Charly Delwart, Databiographie, Flammarion

Nathalie Skowronek, La carte des regrets, Éditions Grasset

Odile d’Oultremont, Baïkonour, Les Editions de l’Observatoire

Victoire de Changy, L’île longue, Autrement

BOSNIA-ERZEGOVINA

Adnan Repeša, Svojta, Synopsis

Danijel Gatarić, Libreto, Kontrast izdavaštvo

Elvedin Nezirović, Ništa lakše od umiranja, Laguna

Lana Bastašić, Uhvati zeca, Kontrast izdavaštvo

CROAZIA

Kristina Gavran, Gitara od palisandra, Disput

Maša Kolanović, Poštovani kukci i druge jezive priče, Profil knjiga

Nenad Stipanić, Bogovi neona, Sandorf

Zoran Malkoč, Umro Supermen, Fraktura

CIPRO

Κυθρεώτης Χρίστος (Christos Kithreotis), Εκεί που ζούμε, Patakis Publications

Σωτηρίου Κωνσταντία (Constandia Sotiriou), Πικρία χώρα, Patakis Publications

Σταύρος Χριστοδούλου (Stavros Christodoulou), Τη μέρα που πάγωσε ο ποταμός, Kastaniotis Publications

DANIMARCA

Asta Olivia Nordentoft, Penge på lommen, Basilisk

Maren Uthaug, En lykkelig slutning, Lindhardt and Ringhof

Morten Pape, Guds Bedste Børn, Politikens

Thomas Korsgaard, Tyverier, Lindhardt and Ringhof

ESTONIA

Kaur Riismaa, Väike Ferdinand, Vihmakass ja Kakerdaja

Mait Vaik, Kurvake sügis, Puiestee

Mudlum, Poola poisid, Strata

GERMANIA

Gunther Geltinger, Benzin, Suhrkamp Verlag

Leif Randt, Allegro Pastell, Verlag Kiepenheuer & Witsch

Matthias Nawrat, Der traurige Gast, Rowohlt Verlag

Paulina Czienskowski, Taubenleben, Blumenbar

Peggy Mädler, Wohin wir gehen, Verlag Galiani Berlin

KOSOVO

Azem Deliu, Shënimet e krimbit Smolinski, Onufri

Majlinda Bregasi, Gërsheti i prerë, Koha

Shpëtim Selmani, Libërthi i dashurisë, Armagedoni

LUSSEMBURGO

Francis Kirps, Die Mutationen, Hydre Editions

Jeff Schinker, Sabotage, Hydre Editions

Samuel Hamen, V wéi vreckt, w wéi Vitess: Erzielung, G. Binsfeld

MONTENEGRO

Milo Masoničić, Kraj smjene, Treći trg

Stefan Bošković, Ministar, Nova knjiga

MACEDONIA DEL NORD

Давор Стојановски (Davor Stojanovski), Утеха за голите, Или-или (ili-ili)

Ѓорѓи Крстевски (Gjorgji Krstevski), Другата страна, Бегемот (Begemot)

Михајло Свидерски (Mihajlo Sviderski), Последните денови на Ханс, Или-или (ili-ili)

Петар Андоновски (Petar Andonovski), Страв од варвари, Или-или (ili-ili)

NORVEGIA

Atle Berge, Puslingar, Samlaget

Bjørn Esben Almaas, Den gode vennen, Oktober

Maria Navarro Skarange, Bok om sorg, Oktober

Therese Tungen, Kjærleik og det som liknar, Aschehoug

SPAGNA

Elisa Ferrer, Temporada de avispas, Tusquets

Irene Solà, Canto jo i la muntanya balla, Anagrama

Joan Benesiu, Serem Atlàntida, Periscopi

Raquel Taranilla, Noche y océano, Seix Barral

La rosa dei candidati per ciascun paese è stata selezionata da una giuria nazionale di esperti letterari.

10 BUONI MOTIVI PER DEDICARSI ALLA LETTURA

Mi è capitato di sentirmi rivolgere queste domande: “Come posso convincere i miei figli a leggere?”. Oppure, “Cosa rispondo ai miei figli quando mi chiedono perché la lettura è importante?”.

Se siete tra coloro che si pongono questi stessi interrogativi, eccovi forniti 10 buoni motivi con cui potrete argomentare.

Anche se è bene tenere a mente le parole dello scrittore francese Daniel Pennac, il verbo leggere non sopporta l’imperativo, avversione che condivide con alcuni altri verbi: il verbo “amare” e il verbo “sognare”.

Sei pronta/o per iniziare?

Ecco allora 10 motivi per dedicarsi alla lettura:

 

Immaginazione

Leggendo, vieni coinvolto in tante storie meravigliose. Questo aiuta la tua immaginazione quando si tratta di pensare o stimolare la creatività e ti fornisce un aiuto indispensabile nel momento in cui a scuola devi affrontare il tema d’italiano. Leggendo, stai disegnando le immagini della storia nella tua mente, così i libri possono condurti ovunque tu voglia andare.

Gli audio libri sono un ottimo strumento per cominciare. Da bambina collezionavo Le fiabe sonore, una collana interamente dedicata alle fiabe classiche e devo dire che hanno rappresentato uno strumento interessante, alimentando il mio interesse per la lettura. Esistono comunque vari modi per aiutare i bambini a diventare avidi lettori, per risvegliare la loro immaginazione e migliorare le loro abilità linguistiche.

Vi segnalo le Audiofiabe, potete scaricare l’App, oppure ascoltarle direttamente cliccando qui… perfette, soprattutto in questo periodo di quarantena, per tenere i bambini occupati in modo piacevole.

Concentrazione

Quando leggi, ti stai concentrando su qualcosa. Stando fermo e leggendo stai allenando la tua mente e il tuo bambino è rilassato e concentrato sulla tua voce. Questo aiuta te e tuo figlio a rimanere focalizzati sulla lettura; inoltre, permettergli di toccare le pagine lo aiuta a memorizzare le parole da te lette, grazie alla sensazione tattile, che stimolano il suo cervello.

leggere storie

 

Memoria

Quando leggi, accetti tutto ciò di cui parla il libro: persone, luoghi, cose…!!! Durante la lettura, stai potenziando il cervello, allenando la tua memoria, soprattutto quella a lungo termine, quindi leggere a voce alta aiuta a memorizzare sul lungo termine. La lettura costituisce un importantissimo esercizio per la mente, migliora la memoria e stimola le capacità cerebrali.

Comunicazione

La lettura a voce alta aiuta tuo figlio a costruire un legame e a mantenere aperta la comunicazione. È sempre importante essere in grado di parlare con i propri figli, trovare un punto d’incontro, soprattutto quando entrano nell’adolescenza. Inizia loro a leggere quando sono ancora piccoli, in modo da alimentare e stabilire quella connessione e quel senso di conforto che perdurerà nel tempo ogni qualvolta parlano con te.

La lettura aiuta anche a comunicare da adulti, fornendo maggiori spunti su cui poter argomentare.

Divertimento

La lettura è una delle migliori forme d’intrattenimento. Porta con te tuo figlio in biblioteca e in libreria, abitualo sin da piccolo, aiutali a familiarizzare con i libri, insegnandogli che possono aprirsi su mondi straordinari, che non avrebbe mai potuto immaginare senza un buon libro tra le mani. Il divertimento è garantito…

 

imparare a leggere

Immedesimazione

Osservarti leggere incoraggia tuo figlio a formare un’associazione positiva con libri e lettura. Avere in casa una libreria da cui poter attingere, con una sezione dedicata alla letteratura per l’infanzia, agevola il processo di immedesimazione e quindi lo invoglia alla lettura. Qui ti fornisco un nutrito elenco di libri dedicato ai giovani lettori.

Sviluppo del linguaggio

Neonati e bambini imparano a parlare ascoltando i suoni e le parole. Più ascoltano, più è probabile che parlino e comprendano velocemente ciò che viene loro detto. Le competenze linguistiche e l’alfabetizzazione di tuo figlio dipendono in buona parte dal tuo modo di esprimerti, che può sempre migliorare con la buona lettura.

 

a voce alta

 

Rilassamento

Quando si è stressati, leggere rilassa, perché perdersi nella trama di una storia aiuta a distaccarsi dalle preoccupazioni quotidiane, quindi favorisce il rilassamento. Tanto che dedicarsi alla lettura prima di andare a dormire, concilia il sonno, aiutando il sistema nervoso a distendersi.

Scioltezza

La scioltezza fornisce la capacità di leggere con velocità, precisione e intonazione. Ciò permette lo sviluppo di un linguaggio ricco di vocaboli e al contempo impeccabile: più leggi, più acquisisci scioltezza, un aspetto molto importante tanto per i bambini quanto per gli adulti.

Empatia

La lettura favorisce l’empatia. I bambini che leggono imparano il 50% di parole in più e in età adulta si dimostreranno più empatici, grazie anche al quel processo di immedesimazione a cui abbiamo accennato in precedenza. Leggere aiuta a immedesimarsi nell’altro, la descrizione di ciò che provano i personaggi, nel corso della lettura, rende più disponibili a mettersi nei panni dell’altro, riuscendo a comprendere come si sentono le persone nella vita reale e in una data situazione.

Ricorda, i bambini imitano quello che fai! Se sei un avido lettore, probabilmente anche i tuoi figli adoreranno i libri.

 

Il tempo per leggere è sempre tempo rubato, come il tempo per scrivere, d’altronde, o il tempo per amare. Rubato a cosa? Diciamo, al dovere di vivere. È forse questa la ragione per cui la metropolitana – assennato simbolo del suddetto dovere – finisce per essere la più grande biblioteca del mondo.

Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere. Se dovessimo considerare l’amore tenendo conto dei nostri impegni, chi mai si arrischierebbe? Chi ha tempo di essere innamorato? Eppure, si è mai visto un innamorato non avere tempo per amare? Non ho mai avuto tempo di leggere, eppure nulla, mai, ha potuto impedirmi di finire un romanzo che mi piaceva. La lettura non ha niente a che fare con l’organizzazione del tempo sociale. La lettura è, come l’amore, un modo di essere. La questione non è di sapere se ho o non ho tempo per leggere (tempo che nessuno, d’altronde, mi darà), ma se mi concedo o no la gioia di essere lettore.

DANIEL PENNAC Come un romanzo (Milano, Feltrinelli, 1993).

 

LA PROTESTA DEL GRUPPO LED – Librai Editori Distribuzione in rete

Buon pomeriggio miei cari lettori,

riporto la lettera aperta del gruppo LED – Librai Editori Distribuzione in rete – in merito alla riapertura delle librerie, annunciata dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e prevista per domani, martedì 14 aprile.

Oltre centocinquantaquattro librerie indipendenti, tra dubbi e perplessità, non desiderano aderire alla riapertura del 14 aprile, denunciando l’assenza di misure e indicazioni per la sicurezza e la sanificazione, fatto spiegato chiaramente in una lettera aperta, pubblicata sul blog Minima&Moralia, dove potrete anche trovare l’elenco (destinato a crescere di ora in ora) delle librerie che da Nord a Sud hanno detto no alla riapertura.

A seguire il testo integrale della lettera.

Il nuovo decreto preannunciato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte prevede per il 14 aprile la riapertura delle librerie, riconosciute da più fronti come presidi sociali e luoghi essenziali per il tessuto culturale del nostro Paese.

Come libraie e librai siamo contenti di questa improvvisa attenzione al nostro lavoro, ma ci sarebbe piaciuto ci fosse stata anche prima delle misure governative per il contenimento della pandemia e, soprattutto, ci piacerebbe ci fosse dopo: se siamo dei luoghi essenziali del tessuto culturale italiano, allora sarebbe il caso che questa funzione ci fosse riconosciuta sempre e in modo strutturale, attraverso una serie di misure economiche a sostegno delle nostre attività nel quotidiano.

Mentre sono ancora in vigore misure che costringono le persone dentro casa e sospendono la mobilità, viene chiesto a noi librai e, di conseguenza ai nostri lettori, di tornare a muoverci per raggiungere le librerie.

Ci siamo adoperati tutti quanti, come cittadini prima di tutto, a rispettare le regole, a proteggere gli altri e noi stessi, ci siamo fermati e abbiamo pensato, cercando modi alternativi di continuare a fare rete, cultura e dove possibile servizio.
Ci siamo re-inventati sui canali digitali, abbiamo raccontato libri a distanza, abbiamo studiato le formule giuste per permettere ai libri di arrivare alle porte delle persone senza mettere in pericolo nessuno, abbiamo messo in atto modalità, come quella delle consegne e spedizioni a domicilio, in assenza di un contesto normativo chiaro e unitario, per non perdere il contatto con i lettori.

Se alla decisione di riaprire possono aver contribuito lettere e appelli che fanno forza sul valore e sul conforto culturale del libro, la prima domanda da porsi è: a quali condizioni? E perché tra le firme di questi appelli mancano proprio quelle dei librai?
In merito alla proposta di riaprire le librerie, molte e molti di noi nutrono una serie di dubbi e perplessità che ci piacerebbe fossero sciolti:

1. Sono state previste delle indicazioni precise per la sicurezza del nostro lavoro, come l’adozione di specifici dispositivi? E nel caso: quali? Il lavoro del libraio, infatti, prevede un tempo lungo della comunicazione verbale faccia a faccia, una pratica che, se non precisamente regolata, comporta in questo momento degli evidenti rischi di sicurezza sanitaria. Inoltre è buona abitudine di chi frequenta le librerie prendere, toccare, manipolare una gran quantità dei libri presenti sui nostri scaffali. È stata pensata una procedura per la sanificazione di libri e ambienti? Senza contare l’inevitabile ripresa dell’attività di tutti i lavoratori (corrieri, logistica, promotori ecc.) coinvolti nel funzionamento della filiera e la cui salute va tutelata al pari di quella di chiunque altro.

2. È stato considerato cosa significhi, dal punto di vista della sicurezza sanitaria, fare muovere tutti i librai e le libraie d’Italia verso i loro luoghi di lavoro, e tutti i nostri lettori in direzione delle librerie, in tempi in cui viene chiesto a tutti i cittadini italiani di restare a casa il più possibile? Andare in libreria implica che i lettori escano di casa, scendano in strada, salgano in macchina o sui mezzi pubblici, passino del tempo tra gli scaffali a maneggiare libri e a cercare dialogo e confronto con noi librai. La scelta di un libro avviene per contatto diretto, per passaggi di mano e di idee. Come gestire tutto questo?

3. Malgrado la riapertura delle librerie restano comunque in vigore le misure restrittive che limitano la libertà di movimento e circolazione delle persone. Andare a comprare un libro sarà una giustificazione valida per uscire, esattamente come andare al supermercato?

4. È stato considerato cosa significhi in merito alla possibilità di concordare sulla base dell’art. 1623 c.c una congrua riduzione dei canoni di affitto delle nostre attività, l’intervento di una disposizione che ci dà facoltà di riaprire ma a fronte di una prevedibile e consistente riduzione delle vendite? Aiutare le librerie, in quanto riconosciuti luoghi di produzione di cultura, non prevedrebbe invece la possibilità di una norma che consenta ai proprietari dei nostri locali di godere loro di un credito di imposta equivalente alla riduzione che ci accorderebbero sulle pattuizioni contrattuali relative al canone di locazione ed alle spese relative?

5. Perché non creare un fondo nazionale o una partnership con i servizi postali, simile nella premessa alle iniziative attualmente sostenute dal contributo libero degli editori, ma su finanziamento statale, per aiutare le librerie a sostenere la gestione economica delle forme alternative di vendita attualmente in atto (spedizioni fuori città, spedizioni a domicilio ecc.)?

6. In questo momento sono attive delle misure di welfare (possibilità di cassa integrazione straordinaria, accessi a contributi pubblici, agevolazioni fiscali) pensate per contribuire alla sostenibilità economica degli esercizi commerciali. Quali certezze abbiamo che queste misure verranno mantenute anche dopo la riapertura “simbolica”?

Riaprire le librerie non può essere considerato un puro gesto simbolico, ma deve essere un’azione strutturata e gestita nella sua complessità, così come dovrebbe avvenire per tutte le altre attività necessarie alla vita sociale.

Le librerie sono dei presìdi culturali che vivono costruendo relazioni, dei luoghi che hanno un peso nella creazione di comunità culturali e sociali, spazi che creano dibattiti, lavorano alla promozione e alla diffusione della lettura e della cultura in senso ampio, organizzano eventi e occasioni di confronto. Quando una libreria viene disarticolata da questo tessuto connettivo, quando non si guarda al complesso di attività che svolge e la si riduce a mero luogo di vendita delle merci non solo si tradisce il ruolo che riveste nel territorio ma si fa finta di non vedere la differenza tra consumo e fruizione, tra cliente e cittadino.

Tanti di noi hanno continuato a lavorare senza alcuna certezza di sostegno economico, ad altri non è stato possibile portare avanti il proprio lavoro nel quotidiano, ma NON abbiamo mai smesso di fare cultura: abbiamo continuato a dialogare con la nostra comunità di lettori attivando tutti i mezzi a nostra disposizione. Ora non abbiamo intenzione di esporci al solo scopo di fingere una “ripresa culturale delle anime” che ci potrà essere davvero solo quando sarà possibile la messa in sicurezza di tutti i corpi.

In mancanza di garanzie sulle richieste qui avanzate molti di noi si riservano di non riaprire comunque l’attività nemmeno dopo l’entrata in vigore del decreto, finché non sarà possibile esercitare il nostro lavoro nelle condizioni e con le tutele adeguate.

KARAJAN. RITRATTO INEDITO DI UN MITO DELLA MUSICA Leone Magiera

Karajan non era soltanto il “mito” che veniva ritratto dalle riviste di tutto il mondo in pose divistiche al pari delle più celebri star di Hollywood; era anche un uomo sensibile e gentile, severo e imperioso all’occorrenza, ma con un profondo senso di umanità e di giustizia.

magieraChi non ha sentito parlare di Herbert von Karajan, uno tra i più grandi direttori d’orchestra del Novecento? Per chi serbasse questa mancanza o per chi volesse approfondire la figura di questo colosso della musica mondiale, dallo scorso 13 febbraio è disponibile in tutte le librerie il ritratto del suo mito, raccontato in una visione del tutto inedita da Leone Magiera, suo amico e collaboratore. Karajan. Ritratto inedito di un mito della musica, edito da La nave di Teseo, nasce dalla necessità del suo autore di parlare, oltre che del grande Maestro, dell’uomo, in quanto come egli stesso afferma:

Nel corso degli anni, ho letto racconti e giudizi sull’uomo e sul direttore che non sempre corrispondono ai miei ricordi, per cui, a trent’anni dalla morte, ho deciso di parlarne.

Appassionato di scrittura, lo stile di Magiera è scorrevole e accompagna il lettore nei suoi ricordi di vita, in un racconto che non deve considerarsi scontato, dato che si snoda attraverso un’analisi del personaggio-Karajan da un punto di vista compositivo e interpretativo.

Oggetto della sua immensa ammirazione, Magiera ha coltivato con Herbert von Karajan un rapporto artistico privilegiato; il Maestro austriaco, che poco si concedeva, lo scelse come collaboratore per numerose produzioni operistiche e come coordinatore dei corsi per cantanti lirici al Festival di Salisburgo.

Nel susseguirsi dei ricordi, il lettore viene accompagnato dall’autore nelle frequentazioni con Karajan fatte di esperienze, confidenze, scambi di opinioni, consigli avvenuti nei grandi teatri di tutto il mondo: Milano, Berlino, Salisburgo, Vienna, Parigi.

Ha visitato Berlino? Non ancora? Vada a vedere quell’obbrobrio che è il Muro. Avrebbe dovuto ammirare questa città prima della guerra. Meglio pensare alla musica: le parlerò di un progetto per il Festival di Salisburgo.

Oltre l’approfondita analisi di quella che è stata la leggendaria tecnica direttoriale di Karajan, di cui Magiera ne confessa “la resistenza opposta dal Maestro alle mie precise domande”, ne vengono fuori aspetti umani fino ad oggi poco noti: il sense of humor, che si rivela anche nell’abilità di travestirsi per sfuggire alle situazioni più difficili o semplicemente per non farsi riconoscere; la sua curiosità per il gossip  e il pettegolezzo, che gli permetteva di stare aggiornato su tutto ciò che accadeva nel mondo musicale internazionale; la sua generosità e l’inaspettata disponibilità.

Quindi, un uomo straordinario, dalle mille sfaccettature, a sostegno di una personalità magnetica, decisa e sicura. I tratti peculiari che trasfigurano Herbert von Karajan “nel vero Dio della musica” sono un raffinato gusto estetizzante del suono, la ricerca di timbri morbidi e vellutati, il culto del fraseggio legato, tutti elementi riconducibili a una sua precipua Weltanschauung.

Era una presenza magnetica che ispirava un misto di sentimenti: rispetto, timore, ammirazione. Notai che non era molto alto, ma si muoveva con grande agilità, e da ogni suo gesto traspariva una forza interiore che ci fece scattare immediatamente tutti in piedi, quasi sull’“attenti”.

Filo conduttore dell’amicizia tra i due direttori d’orchestra, Mirella Freni con cui Leone Magiera cominciò a flirtare in gioventù e che per vent’anni fu sua moglie, sua allieva, nonché la madre di sua figlia, per essere ricordata come uno dei soprani più famosi del secolo scorso.

Mirella Freni è venuta a mancare il 9 febbraio, qualche giorno prima dell’uscita del libro, a cui ha partecipato con la sua prefazione stringata, ma puntuale.

Per la carriera artistica di Mirella Freni, Herbert von Karajan fu fondamentale. Divenuta tra le sue interpreti predilette, l’aveva sentita in qualche occasione, senza palesare la propria presenza, dato che capitava che il Maestro si travestiva per non farsi riconoscere e andava in teatro ad ascoltare; fu così che la scelse per La Bohème. Da lì iniziò la straordinaria carriera della Freni.

Il libro scorre intrecciando ricostruzioni di fatti e volti noti, quali Luciano Pavarotti, Riccardo Muti, John Vickers, Leontyne Price, Raina Kabaivanska e ancora Placido Domingo, Mario Del Monaco, Cecilia Gasdia, Montserrat Caballé, Fiamma Izzo D’Amico, Nicolai Ghiaurov e altri ancora, con altrettanti aneddoti che non rivelerò per evitare di togliere gusto alla lettura, lasciando al lettore il piacere di scoprire.

Dico indescrivibile perché la stecca della Caballé fu tanto sconvolgente da farmi pensare che Andrea Camilleri, il popolarissimo scrittore siciliano, fosse presente alla serata e vi si sia ispirato per scrivere successivamente uno dei suoi romanzi più belli, quel Birraio di Preston di cui consiglio vivamente la lettura agli appassionati di musica lirica.

Karajan diventa quindi un passaggio obbligato per ogni melomane, che alla fine del libro troverà un’appendice con brevi cenni di tecnica direttoriale, utile per chi professionalmente è interessato alla direzione d’orchestra e voglia approfondire i segreti di questa importante figura musicale; in egual modo, si rivelerà un libro interessante e coinvolgente anche per chi, attraverso le parole del suo autore, vuol conoscere i retroscena di un universo, quello lirico, che mette a nudo l’anima di uomini e donne che con tenacia, tecnica, talento e profonda sensibilità artistica l’hanno reso grande agli occhi del mondo; ma soprattutto Karajan mostra i retroscena del sodalizio tra due uomini, capaci di riconosce l’uno nell’altro l’indiscussa immensità artistica.

Ciò che appare chiaro durante la lettura, al di là della personalità straordinaria e unica di Karajan, è il modo in cui un uomo eccezionale viene ricordato da un uomo eccezionale, Leone Magiera, che con competenza e grandissima professionalità ha saputo fissare sulla carta un universo personale e professionale con assoluta modestia e uno stile talmente armonioso da riuscire a far vibrare le corde dell’animo umano.

Non ho mai potuto pensare che un uomo così sensibile, altruista e sempre pronto ad aiutare i giovani di qualsiasi razza e nazionalità, avesse potuto macchiarsi di crimini durante il suo passato nazista, come ebbe a confessarmi Nino Sanzogno, il suo vecchio amico e collega che lo soccorse a Trieste nel dopoguerra.

 

 

QUARTA DI COPERTINA

Leone Magiera ci dà, in questo volume, una visione del tutto inedita di Herbert von Karajan. Amico e collaboratore del Maestro per molti anni, Magiera, oltre ad analizzare in profondità la sua tecnica direttoriale e molte delle più famose interpretazioni, ci racconta, nei suoi incontri con Karajan, della personalità più nascosta e segreta del grande Maestro austriaco. Ne risulta un aspetto umano pressoché sconosciuto, con risvolti mai narrati precedentemente. Il sense of humor di Karajan, che si estrinsecava anche nell’abilità nel travestirsi per sfuggire alle situazioni più difficili e pericolose, ma anche semplicemente per non farsi riconoscere; la sua curiosità, quasi morbosa, che gli permetteva di stare continuamente aggiornato su tutto ciò che accadeva nel mondo musicale internazionale…

Una breve appendice tecnica, utile per chi è interessato professionalmente alla direzione d’orchestra o all’appassionato che voglia scoprire i segreti di questa importante figura musicale, espone in modo semplice ma efficace un pensiero forgiato dall’attività sul campo e dai grandi incontri artistici.

Questi e altri aspetti inediti fanno di questo libro una lettura indispensabile per chi voglia conoscere più compiutamente la personalità di uno dei più grandi direttori d’orchestra di ogni tempo.

 

Chi è LEONE MAGIERA

Leone Magiera, nato a Modena, enfant prodige – già a 12 anni si esibiva come pianista solista – è stato direttore d’orchestra, dirigente teatrale, collaboratore pianistico in recital cameristici di quasi tutti i più celebri cantanti della scena lirica internazionale. Docente di canto al Conservatorio G. B. Martini di Bologna, fra i tanti allievi divenuti celebri, ha avuto Luciano Pavarotti, Mirella Freni, Ruggero Raimondi e, più recentemente, Carmela Remigio, Fabio Sartori e Mariangela Sicilia. Con Luciano Pavarotti, di cui è stato maestro sin dagli inizi, ha tenuto oltre mille serate teatrali dalla prima Bohème del debutto (1961) all’ultima esibizione per le Olimpiadi invernali del 2006. Vasta la sua discografia per le più importanti edizioni. Da sempre appassionato di scrittura, ha avuto un successo internazionale con il suo Pavarotti visto da vicino, anche nella versione inglese (Pavarotti Up Close).

 

DETTAGLI

Autore: Leone Magiera

Titolo: Karajan. Ritratto inedito di un mito della musica

Editore: La nave di Teseo

Data uscita: 13 febbraio 2020

Pagine: 265

Prezzo: € 18,00

Formato: brossura

EAN: 9788893950602

 

BAEK HEENA è la vincitrice dell’Astrid Lindgren Memorial Award 2020

illustratriceMalgrado le cancellazioni di tutti gli eventi, a causa della pandemia, lo scorso 31 marzo la giuria del prestigioso premio Astrid Lindgren Memorial Award (ALMA), istituito dal Governo svedese e destinato ad autori impegnati nel campo della letteratura per l’infanzia, ha proclamato vincitrice l’illustratrice sudcoreana Baek Heena, con la seguente motivazione:

Con una spiccata sensibilità per i materiali, la mimica e la gestualità, i libri illustrati di Baek Heena, dal chiaro approccio cinematografico, mettono in scena racconti sulla solitudine dei bambini, sull’amicizia e sul senso di appartenenza. Nei suoi universi in miniatura, zeppi di suggestioni, si mescolano piccoli panini alla nuvola e sorbetto di luna, animali, fate e persone di ogni tipo. La porta è sempre spalancata sull’incredibile, che diventa concreto, incisivo e vertiginoso.

La cerimonia, condotta dalla pronipote di Astrid Lindgren, Boel Westin, per la prima volta ha premiato un’autrice coreana, che ha ricevuto 5 milioni di corone svedesi (circa 455.000 €).

Quest’anno 240 autori, provenienti da 67 Paesi, erano in competizione per l’ambito premio, amministrato dallo Swedish Arts Council; la cerimonia di premiazione tradizionalmente viene trasmessa durante la Bologna Children’s Book Fair, ma a causa della pandemia l’evento è stato cancellato, quindi la cerimonia si è svolta nella casa di Astrid Lindgren, a Stoccolma, il 31 marzo; l’annuncio è stato dato in diretta streaming.

Durante la consegna del premio, il ministro svedese per la cultura e la democrazia, Amanda Lind, ha voluto sottolineare la rilevanza del premio in questo particolare momento storico, in cui i bambini di tutto il mondo e le loro famiglie sono costretti a rimanere a casa: “La lettura è un modo per ridurre le distanze e attraversare i confini“, ha precisato. Inoltre, Amanda Lind ha ricordato che l’idea del libro più famoso di Astrid Lindgren, Pippi Calzelunghe, è nato quando la figlia Karen, avendo la polmonite, le chiese di raccontarle la storia di Pippi Calzelunghe, un nome inventato al momento.

Ma chi è Baek Heena?

Nata a Seul nel 1971, Baek Heena è una delle più importanti illustratrici della letteratura per l’infanzia della Corea; ha studiato al California Institute of the Arts negli Stati Uniti e animazione alla Ewha Womans University di Seoul, laura che ha completato negli Stati Uniti. Dopo la nascita della figlia ha deciso di dedicarsi alla realizzazione di libri illustrati. Complessivamente, ha pubblicato 13 libri, alcuni dei quali sono stati tradotti e hanno ricevuto riconoscimenti importanti, non solo nel suo paese ma anche a livello internazionale. Il suo libro d’esordio è Cloud Bread, pubblicato in inglese nel 2011.

Le illustrazioni di Baek Heena sono caratterizzate da personaggi in miniatura che lei stessa realizza, fotografa e poi inserisce in piccole ambientazioni poetiche, dove la luce ha un ruolo fondamentale. Straordinaria la sua capacità nell’illustrare i gesti e le espressioni facciali dei bambini.

astrid

 

I VINCITORI DEL PREMIO ALMA fino a oggi

2019 Bart Moeyaert, Belgio

2018 Jacqueline Woodson, USA

2017 Wolf Erlbruch, Germania

2016 Meg Rosoff, UK/USA

2015 PRAESA Sudafrica (Progetto per lo studio di un’educazione alternativa in Sudafrica)

2014 Barbro Lindgren, Svezia

2013 Isol, Argentina

2012 Guus Kuijer, Olanda

2011 Shaun Tan, Australia

2010 Kitty Crowther, Belgio

2009 Tamer Institute for Community Education, Palestina

2008 Sonya Hartnett, Australia

2007 Banco del Libro, Venezuela

2006 Katherine Paterson, USA

2005 Philip Pullman, UK e Ryôji Arai, Giappone

2004 Lygia Bojunga, Brasile

2003 Maurice Sendak, USA e Christine Nöstlinger, Austria