VOCE DI CARNE E DI ANIMA Alda Merini

Domandano tutti come si fa a scrivere un libro. Si va vicino a Dio e gli si dice: feconda la mia mente, mettiti nel mio cuore e portami via dagli altri, rapiscimi.

Così nascono i libri, così nascono i poeti.

Da settembre è disponibile in tutte le librerie il volume Voce di carne e di anima, una raccolta poetica della grande poetessa del Novecento italiano, Alda Merini, un’opera editoriale Frassinelli, editato a distanza di dieci anni dalla sua morte. IMG_20200530_165217.png

Voce di carne e di anima è una raccolta che riassume poesie e brevi pensieri dell’autrice affidati, negli ultimi dieci anni della sua vita, all’amico Arnoldo Mosca Mondadori, per il quale rappresentano: “Una misteriosa sinfonia poetica, che mi coglieva nei momenti più impensati, quando di giorno o di notte arrivava la sua telefonata con la sua voce, come un oracolo di grazia”.

Si tratta di un florilegio, in cui credo e vocazione religiosa si fanno amore mistico, trasformando il verso in preghiera, attraverso la voce e il dolore in carnalità. L’intera raccolta, fortemente simbolica, è una commistione di voci che, di volta in volta, in Alda Merini suonano evocative, sensuali, carnali, terrene; un disperato grido d’amore, alimentato da un’ispirazione lucida e disincantata, un canto di preghiera, che trasforma la visione in realtà e dove il concetto stesso di amore è sublimato da quella sofferenza, che ha attraversato l’esistenza di Alda Merini.

Io non fui originata ma balzai prepotentemente dalle trame del buio per allacciarmi ad ogni confusione.

Sette i titoli raccolti in questo compendio: Corpo d’amore (2001) che pone al centro Gesù e il suo pensiero rivoluzionario, Magnificat (2002) un’esaltazione della figura di Maria, che accoglie e accetta il mistero della divinità del figlio, La carne degli angeli (2003) in cui l’autrice racconta, attraverso un’intensa interpretazione, il mistero delle presenze angeliche, il Poema della croce (2004) in cui la poetessa da voce al calvario della crocifissione e dove le sofferenze di Gesù si riflettono nel dolore della stessa autrice e il Cantico dei Vangeli (2006) che vede Gesù dialogare con alcuni dei suoi discepoli e con Maria Maddalena, pietosa verso le sofferenze del Signore. A conclusione, Francesco (2007) con passi dedicati a Francesco D’Assisi, talmente intensi da confondere la voce poetica di Alda Merini con le odi del Santo ed Eternamente vivo dove l’autrice ricorda personaggi facenti parte del proprio vissuto, alcuni citati solo per nome, altri ricordati anche per cognome: Luca, Alberto, Richard, il poeta Attilio Bertolucci, Pierluigi Puliti, e lo scrittore Giuseppe Pontiggia.

Alda Merini, a distanza di dieci anni dalla sua morte, continua a essere molto amata: sempre presente in libreria, capita spesso di leggerne i versi sui social; scrittrice geniale, donna tormentata ha vissuto un’esistenza molto travagliata, a causa del paventato disturbo bipolare, sfociato in una forte depressione.

Io nascondo le mie dita, ma pochi vedono che ogni alba di Dio nasce dalle mie mani e che io, uomo infelice, sono lo spartiacque del crocifisso.

I tormenti dell’anima di Alda Merini mi ha riportato alla mente la poetessa americana, di origine tedesca, Sylvia Plath, una delle voci poetiche più incisive del Novecento americano, il cui destino, anche se dai risvolti conclusivi diversi, sembra essere accomunato a quello della poetessa italiana: l’insoddisfazione di non essere comprese fino in fondo, entrambe depresse vengono rinchiuse in manicomio e sottoposte alla terapia elettroconvulsivante, comunemente nota come elettroshock. Tuttavia, mentre Alda Merini riuscì a rimanere lucida e ben ancorata alla realtà, coltivando un profondo amore, unico sentimento capace di trascendere anche la morte; Sylvia Plath, la lady Lazarus americana, finì per idealizzare la morte, presenza sinistra e unico sollievo ai suoi tormenti interiori.

Mio figlio occupava tutti i deserti del mondo, senza di lui non ci sarà più niente. Mio figlio era l’intera popolazione, mio figlio erano tutti gli ebrei.

 

 

QUARTA DI COPERTINA

Tensione mistica e vocazione terrena, religione e follia, vitalità e scrittura. Per la prima volta viene raccolto in questo volume un ricco, intenso compendio di alcuni dei libri più importanti che la grande poetessa milanese ha affidato – negli ultimi dieci anni della sua vita – all’amico Arnoldo Mosca Mondadori, componendo un’originale sinfonia di «voci» di carne e di anima: da Corpo d’amore, con l’enigma di Gesù e del suo messaggio rivoluzionario, al Poema della croce, in cui si dipana il teatro della crocifissione; da La carne degli angeli, in cui si esprime il mistero delle presenze angeliche, al Magnificat, con al centro una Vergine Maria fragile e umanissima di fronte al mistero della divinità del figlio; dal Cantico dei Vangeli, in cui Pietro, Giovanni, Giuda, Pilato, Maria Maddalena intessono con Gesù un dialogo intenso, a Francesco, un monologo che è a un tempo confessione e preghiera; fino al bellissimo Eternamente vivo. Tutti testi che si sono sempre nutriti di un’enigmatica commistione di carnalità e trascendenza, scandendo con autenticità quasi crudele un’esistenza segnata dalla sofferenza. Nessun poeta assomiglia con altrettanta precisione alle sue opere come Alda Merini. Questa tensione «religiosa», e insieme terrena, spesso erotica, si è incarnata poeticamente in figure sacre via via diverse, voci bellissime e perfette, ora rarefatte ora sensuali, in cui la parola si sostanzia in versi, come scrisse Manganelli, «di una complessità tra minatoria e assurda, di straordinaria invenzione verbale e sintattica». Perché, come è scritto nella Nota introduttiva, Alda Merini «diventava» la voce di coloro che amava profondamente.

 

Chi è ALDA MERINI

Alda Merini (Milano, 1931-2009) è considerata una delle voci più significative della poesia italiana. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, fra i quali il prestigioso Premio Librex Montale nel 1993, il Viareggio nel 1996, il Procida-Elsa Morante nel 1997 e quello della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 1999. Nel 2004 le è stata conferita la medaglia d’oro della Presidenza della Repubblica ai benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte.

 

DETTAGLI

Autore: Alda Merini

Editore: Frassinelli

Pagine: 503

Prezzo: € 20,00

Formato: rilegato

Data uscita: 17 settembre 2019

EAN: 9788893420617