CERCANDO VIRGINIA Elisabetta Bricca

“Non c’è cancello, nessuna serratura, nessun bullone che potete regolare sulla libertà della mia mente.”

Elisabetta Bricca, autrice de Il rifugio delle ginestre (2017), torna in libreria con il suo nuovo romanzo Cercando Virginia, edito da Garzanti, coinvolgendo il lettore in una storia struggente, che vuol essere un omaggio a una delle più grandi scrittrici femministe della storia, la saggista britannica Virginia Woolf e alla bellezza della letteratura, intesa come elemento salvifico. Cer vir

La storia si svolge in Toscana, a Cortona, nei primi anni ‘70, periodo in cui le donne cominciano a lottare per riuscire a essere ciò che desiderano e dove la lettura è una di quelle pratiche viste come una forma di inutile divagazione, che induce a pensare, a essere mentalmente libere, mettendo a rischio i doveri di mogli e madri.

La protagonista, Emma, è una giovane donne le cui esperienze di vita tracciano un destino molto diverso da quello che il padre sembra aver voluto per lei, rinchiusa in un ruolo, che indossa come un vestito logoro, troppo stretto.

Dal fratello Settimio, Emma ha imparato ad amare la lettura, da lui ha saputo prendere esempio, ma entrambi sanno di doversi nascondere alla vista del padre, che li vuole sempre a lavoro.

Così, ogniqualvolta era sicuro che suo padre non fosse nei paraggi, chiudeva il libro dei conti e spariva nel fienile per dedicarsi ai suoi amatissimi scrittori russi.

Ed è la lettura che permette loro di guardare al mondo e alla vita con occhi diversi, al punto da essere considerato un atto rivoluzionario, che spianerà la strada a quella ribellione su cui Emma costruirà i propri sogni: leggere, studiare, conoscere.

Emma era acqua, bosco, era il vento d’inverno che faceva vibrare le chiome degli alberi e spazzava i campi. Era la tempesta improvvisa, in un giorno d’estate.

Sarà Settimio a offrire alla sorella una via di fuga, una possibilità di vita migliore, lontano da casa, in una esistenza del tutto nuova, nel momento in cui Franco, l’uomo con “gli occhi da lupo”, la trascinerà nella disperazione. Solo allora Emma deciderà di accettare un posto come cameriera, presso la ricca signora Dalloway.

Una donna poteva e doveva avere tutto ciò cui aspirava, sosteneva la Woolf, e a Emma appariva una rivelazione.

Dal loro primo incontro, la signora Dalloway intravede nella giovane donna molte delle caratteristiche proprie, riconosciute nella negazione di quella libertà tanto anelata e nel sentirsi frenata nell’assecondare sogni e aspirazioni. Per tale ragione, Emma troverà nella signora Dalloway una guida e un’amica fidata, venendo così introdotta in uno spaccato di vita in cui Virginia Woolf è la protagonista delle ore di lettura condivisa, a cui si dedicheranno una volta a settimana.

Attraverso i saggi della Woolf, Una stanza tutta per sé, Le tre ghinee e Diario di una scrittrice, Emma riuscirà a cambiare se stessa, attingendo da quella forza tutta femminile, che la spingerà a non arrendersi, difendendo i propri diritti e scegliendo la strada da seguire.

“Lei è donna come me e la sua, la nostra forza ci appartiene da quanto è antico il mondo. Leggete se potete. Imparate. Confrontatevi. Combattete l’ignoranza.”

Con Cercando Virginia, Elisabetta Bricca sottolinea l’ammirazione per una scrittrice complessa, fortemente femminista e progressista qual è Virginia Woolf, permettendole al contempo di condurre un’indagine su quella che fu, e ancora è, la condizione femminile, un’indagine che ripercorre i tre saggi fondamentali per la comprensione della sua autrice.

La scrittura di Elisabetta Bricca è seducente, sempre coinvolgente; la struttura tecnica esprime una maturità narrativa, sostenuta da una consapevolezza che fa vibrare la parola, attraverso le corde della sua poeticità. Le parole utilizzate dall’autrice costruiscono un mondo che, se pur apparentemente distante dall’attuale condizione della donna, riescono a rievocare una società fortemente patriarcale, in cui il ruolo femminile viene relegato in quell’ambito angusto, che ha sempre cercato di deprivare la donna di dignità e diritti.

Avvertì la tensione abbandonare il suo corpo, era sempre questo l’effetto che le parole le facevano. Erano la sua ancora di salvezza, il suo rifugio. Le davano la forza di sperare, di reagire anche quando tutto intorno a lei parlava di rassegnazione.

I personaggi intorno a cui ruota la vicenda, così come i personaggi chiave, che s’incontrano nel corso della narrazione, sono tutti ben articolati nel raccontare una storia di crescita, rivalsa e riscatto, con il superamento di tutti quei nodi, più o meno dolorosi, che il racconto mostra al lettore con immagini vivide e descrizioni minuziose.

Le citazioni ad apertura di ogni capitolo, estrapolate dai saggi di Virginia Woolf, offrono spunti di riflessione, riagganciandosi a quelli che sono stati i temi cari all’autrice che, oltre alla questione femminile, affrontò le problematiche legate ai diritti delle donne, l’importanza della loro indipendenza economica, l’opportunità di un’istruzione adeguata e la libertà di poter sempre seguire le proprie aspirazioni.

Elisabetta Bricca consegna ai lettori un romanzo di formazione, un libro di grande respiro, che ripercorrendo i passi della grande Virginia Woolf, spinge tutte le donne a una presa di coscienza e a una nuova consapevolezza, al di là di un’esistenza convenzionale, per vedere riconosciuti i propri diritti, ridefinito il proprio ruolo e per essere libere di esprimersi per ciò che si è e non perciò che le sovrastrutture sociali, di ordine patriarcale, cercano ancora oggi d’imporre.

Ma Cercando Virginia è anche una storia di coraggio, che sottolinea il valore dell’amicizia, ponendo l’accento sulla complicità femminile, in una continuità storica, che si riallaccia a quel lungo cammino intrapreso sino ad oggi, per una comprensione più profonda dell’universo femminile.

Non esisteva più la morte ora, ma solo la memoria indelebile di quello che era stato e che mai sarebbe stato dimenticato. Esisteva il ricordo di ciò che Elizabeth aveva lasciato, la sua forza, il suo amore, la sua libertà. L’eredità di cui ognuno avrebbe fatto tesoro.

 

QUARTA DI COPERTINA

Cortona, 1976. La luce è flebile, ma a Emma, rannicchiata nel fienile, basta per immergersi nelle pagine dei libri che è costretta a leggere di nascosto. Lontano dagli occhi del padre che la vorrebbe impegnata nelle faccende domestiche. Finora è riuscita a proteggere il suo segreto. Ma quando si rende conto di non poter più continuare, preferisce andarsene e accettare un posto da cameriera offertole da una ricca aristocratica di origini inglesi che si fa chiamare “signora Dalloway”. Per Emma quel lavoro rappresenta l’occasione unica di conquistare l’indipendenza. Ciò che non si aspetta è di trovare nella signora Dalloway un mentore, oltre che un’amica fidata. Fin dai primi giorni di servizio, la donna si accorge della curiosità che accende l’animo di Emma. È per questo che pensa di proporle delle ore di lettura condivisa alla scoperta di una delle prime scrittrici femministe della storia: Virginia Woolf. Così, sfogliando Una stanza tutta per sé, Le tre ghinee, Diario di una scrittrice, Emma si nutre delle parole illuminate di Virginia e inizia a coltivare il sogno di una vita, in cui è lei a scegliere il proprio destino. Ma per realizzarlo deve prima combattere contro chi tenta in ogni modo di ostacolarla e tenerla lontano dai libri. Solo così potrà davvero trovare la sua personale Virginia e, in lei, la voce per esprimere ciò che sente dentro.

Chi è ELISABETTA BRICCA

Elisabetta Bricca, nata e cresciuta ner core di Roma, è laureata in Sociologia, comunicazione e mass media, e lavora come copywriter, autrice e traduttrice. Vive con il marito e le due figlie al <<Rifugio del daino>>, un antico casolare umbro circondato da ulivi e boschi, che domina il lago Trasimeno. Ѐ appassionata di arte, cucina, vino e natura. Con Garzanti ha pubblicato anche Il rifugio delle ginestre (2017).

DETTAGLI

Autore: Elisabetta Bricca

Titolo: Cercando Virginia

Editore: Garzanti

Collana: Narratori moderni

Pagine: 350

Prezzo: € 17,00

Formato: Rilegato

EAN: 9788811675532

5 AUTORI PER 7 DOMANDE

Abbiamo coinvolto, in una breve intervista articolata in 7 domande, 5 autori brillanti e di talento! Requisito richiesto da Into the Read: s i n t e t i c i t à.

Quindi abbiamo dialogato con

 

Cinzia Giorgio (Amori Reali Newton Compton Editori)

Elisabetta Bricca (Il rifugio delle ginestre Garzanti)

Costanza Di Quattro (La mia casa di Montalbano Baldini+Castoldi)

Mattia Signorini (Stelle minori Feltrinelli)

Piero Sorrentino (Un cuore tuo malgrado Mondadori)

 

*

 

Senza riepilogare in alcun modo, di cosa parla il tuo ultimo libro?

 

CINZIA GIORGIO: È un saggio che si intitola Amori Reali e racconta degli amori tra teste coronate. Parte da Giulio Cesare per arrivare a Meghan Markle.

ELISABETTA BRICCA: Della riscoperta del proprio valore in quanto donna, della lotta per la libertà di pensiero, di coraggio, di libri, di femminismo, di viaggi interiori. Di un’icona della letteratura del XIX secolo.

COSTANZA DI QUATTRO: Il mio libro è un tuffo nel passato, nella quotidiana esistenza di una famiglia borghese durante il periodo della villeggiatura che ha rappresentato, tra l’infanzia e l’adolescenza, uno dei periodi più belli della mia vita.

MATTIA SIGNORINI: Di un segreto del passato che ritorna insieme al primo accecante amore. Di padri che non abbiamo deciso. E di maestri che invece scegliamo.

PIERO SORRENTINO: Dei modi in cui affrontiamo il dolore; di bugie e verità; di (piccole) speranze che ci aiutano a vivere.

 

*

 

Senza citare autori o libri, quali influenze attraversano la tua scrittura?

 

CINZIA GIORGIO: La storia delle donne, materia che per altro insegno.

ELISABETTA BRICCA: Amo la letteratura inglese e quella americana. Credo che in piccola parte questo abbia influenzato il mio modo di scrivere.

COSTANZA DI QUATTRO: La grande letteratura siciliana del 900 ha senza dubbio influenzato in maniera significativa non soltanto la mia scrittura ma soprattutto il mio pensiero.

MATTIA SIGNORINI: Cerco di pormi con curiosità quando osservo e ascolto gli altri, senza giudicarli. Di vedere come ognuno di noi sia attraversato da imperfezioni e contraddizioni. È lo stesso modo con cui racconto i personaggi nei miei libri.

PIERO SORRENTINO: Gli scrittori veneti del ‘900 italiano, la letteratura americana, la musica post rock.

 

 *

 

Cosa è successo nella tua vita mentre scrivevi il tuo ultimo libro?

 

CINZIA GIORGIO: Andavo in giro a tenere conferenze sul Sacro Femminino.

ELISABETTA BRICCA: Ho imparato a guardarmi intorno da un’altra prospettiva, ho cucinato tanto, ho apprezzato la solitudine.

COSTANZA DI QUATTRO: Scrivere “la mia casa di Montalbano” ha avuto una funzione catartica. Riuscendo a mettere nero su bianco le emozioni che temevo perdute di quella casa, me ne sono riappropriata assaporando, a distanza di anni, la felicità del ritorno.

MATTIA SIGNORINI: Stavo finendo una storia d’amore che credevo sarebbe durata a lungo, e attraverso gli occhiali di quel momento mi chiedevo, spesso, quali erano le parti di me che ancora non conoscevo.

PIERO SORRENTINO: Sono diventato dottore di ricerca in studi letterari, mi sono sposato, ho viaggiato molto.

 

*

 

Quali sono alcune delle parole, usate dai lettori e/o recensori, che ti hanno colpito particolarmente?

 

CINZIA GIORGIO: Quando mi dicono di aver provato emozioni e di aver avuto la curiosità di approfondire certi argomenti, io mi sento felice!

ELISABETTA BRICCA: Le confidenze sulla loro vita privata, il fatto che mi abbiano detto che il libro sia stata una letteratura terapeutica, che fa riflettere sulle scelte della propria vita e sul coraggio.

COSTANZA DI QUATTRO: “Il merito del tuo libro è stato quello di marcare il confine tra il successo della vita e il successo della finzione.” Questa, tra i tanti commenti ricevuti, è stata forse la frase che mi ha emozionata di più.

MATTIA SIGNORINI: Apprezzo quando mi scrivono che un mio romanzo è piaciuto, e accetto le critiche, ma infilo entrambe le cose in una scatola che non ha niente a vedere con quello che decido di scrivere in seguito. La scrittura è una cosa solitaria, cerco di tenerla separata dal mondo di fuori.

PIERO SORRENTINO: Paolo Isotta, nella sua bellissima recensione, ha parlato di “dominio classico della lingua”. Diego De Silva, candidandomi al Premio Strega 2019, ha detto di ’opera prima dalla scrittura sapientemente misurata nel trattare un tema delicato e indigesto come il senso di colpa”. Sono molto grato a entrambi.

 

*

 

Prescindendo dai requisiti e dalla formazione, se potessi scegliere una carriera oltre la scrittura quale sarebbe?

 

CINZIA GIORGIO: Insegno all’università, quindi la carriera accademica e l’organizzazione di eventi culturali.

ELISABETTA BRICCA: Il medico.

COSTANZA DI QUATTRO: Sceglierei sempre il teatro. Non quello da calcare sulle doghe di legno, bensì quello che si fa dietro le quinte. Quello dove mi sono formata e dove ho sviluppato ogni parte di me.

MATTIA SIGNORINI: È qualcosa che faccio già. Ho una scuola di scrittura, la Palomar, e un’agenzia di comunicazione che si chiama Giraffe. Cerco di trasferire ai miei studenti ciò che so sulla scrittura e di aiutare le aziende a far conoscere meglio i loro prodotti. Ed è sempre qualcosa che ha a che fare con le parole.

PIERO SORRENTINO: Quella di temuto critico gastronomico di fama internazionale.

 

*

 

Quali elementi ritieni siano il punto forte della tua scrittura?

 

CINZIA GIORGIO: La chiarezza e la fluidità.

ELISABETTA BRICCA: Ma, non so, sono sempre stati gli altri a dirlo. Partendo da ciò che mi sono sentire dire in questi anni: eleganza, lirismo, una scrittura molto visiva che coinvolge tutti i sensi.

COSTANZA DI QUATTRO: La linearità della forma e dello stile credo sia la mia peculiarità. Una scrittura semplice talvolta risulta più incisiva.

MATTIA SIGNORINI: Forse il lavoro che faccio per semplificare, per fare arrivare la storia nel modo più immediato possibile.

PIERO SORRENTINO: La lingua.

 

*

 

Il tuo prossimo obiettivo a cosa punta, qualche anticipazione?

 

CINZIA GIORGIO: In questi giorni sto editando il prossimo romanzo. È la storia di mia nonna.

ELISABETTA BRICCA: Crescere come autrice. Crescere. Crescere sempre.

COSTANZA DI QUATTRO: Mi piacerebbe proseguire sulla strada tracciata dal sogno della scrittura. Ci sto provando. Chissà…

MATTIA SIGNORINI: A vivere bene la vita, preoccupandomi di meno e lasciando che le cose vadano come devono andare. È un approccio che se gestito bene può illuminare tutto il resto.

PIERO SORRENTINO: Sto lavorando a un romanzo, temo assai ambizioso, sulla irrealtà.