L’ALTRA GRACE Margaret Atwood

Comunque, assassina è una parola pesante da portarsi dietro. Ha un odore quella parola, un odore muschiato e opprimente, come di fiori morti in vaso. Qualche volta, di notte, me lo ripeto a bassa voce: Assassina, assassina. Fruscia, come una gonna di taffetà sul pavimento.

grace

Margaret Atwood è tornata in libreria il 5 settembre 2019 con il suo ultimo romanzo I testamenti, sequel de Il racconto dell’ancella, che come sostiene lei stessa: «Questo libro nasce da tutte quelle domande che mi avete fatto su Gilead e i suoi meccanismi interni. Be’, non solo da questo. L’altra fonte d’ispirazione è il mondo in cui viviamo oggi».

Autrice di libri straordinari, di indubbio successo, che spaziano dalla narrativa alla poesia, dalla letteratura per bambini, alla saggistica, Margaret Atwood sa come catturare e mantenere l’attenzione del lettore e lo fa attraverso l’esplorazione dell’universo umano nella sua complessità sociale. Da fervida femminista, ci ha mostrato come in una società patriarcale alla donna viene negata la sua soggettività, un’affermazione che trova ampio spazio ne L’altra Grace, romanzo pubblicato in prima edizione nel settembre del 1996, la cui notorietà si è accentuata con una miniserie trasmessa su Netflix, e sceneggiata dalla stessa autrice, andata in onda nel novembre del 2017.

Ma chi è l’altra Grace? Il lettore è chiamato a dare una risposta (o anche più di una) a questa domanda! Nella sua ricostruzione, L’altra Grace è una storia vera di furia omicida e follia, raccontata in un romanzo edito da Ponte alle Grazie e nella traduzione di Margherita Giacobino.

Ispirandosi alle vicende legate alla vita di Grace Marks, Margaret Atwood riferisce di una giovane domestica, immigrata dall’Irlanda al Canada, che nel 1843, all’età di appena sedici anni, venne arresta per il brutale omicidio del suo datore di lavoro, Thomas Kinnear e della sua governante, nonché amante, Nancy Montgomery, il cui cadavere di quest’ultima, fatto a pezzi, fu rinvenuto nella cantina della dimora Kinnear.

Insieme a Grace venne accusato lo stalliere, James McDermott, indicato come l’esecutore materiale dei delitti e per tale ragione, una volta processato, venne impiccato; Grace riuscì a sfuggire alla pena di morte, commutata nel carcere a vita, grazie a una serie di circostanze attenuanti attribuibili alla sua giovane età, che faceva di lei una complice e non un’omicida.

Lei venne condannata non per omicidio, ma per complicità in omicidio, perché la sola cosa che si poté provare contro di lei fu che conosceva le intenzioni di McDermott e non le rivelò a nessuno; e che trascurò di rendere pubblico il fatto compiuto.

Per aver cambiato più volte la sua versione e a causa della testimonianza del giovane Jamie Walsh, che l’accusò di indossare durante il processo i vestiti di Nancy Montgomery, Grace Marks, pur dichiarandosi innocente, fu condannata e rinchiusa per un breve periodo in manicomio, per passare subito dopo al penitenziario canadese di Kingston, dove entrò il 21 novembre 1843, per essere scarcerata nell’agosto del 1872.

Nel romanzo della Atwood però i buchi temporali, che ruotano attorno alla storia vera di Grace, vengono colmati con l’introduzione di personaggi estranei alla veridicità dei fatti accaduti, ma che servono a dare continuità narrativa nel guidare il lettore durante il racconto; uno di questi è il dottor Simon Jordan, un giovane psichiatra incaricato di recarsi a Kingston per ascoltare la versione di Grace e riuscire a riportare alla superficie della sua memoria quella parte dei fatti che la giovane ha rimosso durante gli accadimenti, amnesia attribuita al trauma subito. A conclusione, una relazione con la testimonianza del dottor Jordan per il reverendo Verringer, a sostegno di quella petizione utile per far scarcerare Grace, “la cui verità renderà liberi”.

Vidi tre corvi appollaiati uno accanto all’altro sulla traversa dell’albero maestro, e anche mia madre li vide, e disse che portavano sfortuna, perché tre corvi in fila significano che qualcuno doveva morire.

Colpito dalla personalità articolata e sfuggente di Grace e dalla sua dialettica perfetta, il dottor Simon Jordan accompagnerà il lettore nel racconto a cui si abbandonerà Grace, vittima, in quanto donna e per di più povera, di una società per la quale la figura femminile è uno strumento d’istigazione maschile. Il tutto esposto con l’eleganza stilistica e l’incedere narrativo tipico di Margaret Atwood.

Tutte le figure maschili che ruotano attorno a Grace e con le quali il personaggio instaura un rapporto di fiducia, non sembrano possedere quella spinta emozionale tale da riuscire a creare un coinvolgimento emotivo forte con la protagonista, in grado di rappresentare un’azione salvifica in suo favore. Le vicissitudini di ognuno di loro li spinge a perdersi nel corso della vicenda, per seguire obiettivi che nulla hanno a che vedere con la scarcerazione di Grace.

Tutti i personaggi sono ben delineati, ciascuno dotato di una personalità ammaliante, trascinante e coinvolgente.

Eppure approcciarsi al libro cercando di comprendere l’innocenza o la colpevolezza di Grace è un grave errore, il racconto ci mostra un passato in cui tutto è già avvenuto; l’unica chiave di lettura possibile sta nel titolo, che come sempre accade con la Atwood si presta a varie interpretazioni e che nello specifico offre il giusto spunto per andare alla ricerca di quella parte di Grace da cui sembrano scaturire tutte le contraddizioni.

Penso a tutto quello che è stato scritto su di me: che sono un demonio disumano, che sono la vittima innocente di un farabutto e ho agito contro la mia volontà e dietro minaccia di morte, che ero troppo ignorante per sapere dissimulare e che impiccarmi sarebbe un crimine giudiziario, che amo gli animali, che sono molto bella e ho una carnagione luminosa, che ho gli occhi azzurri, che ho gli occhi verdi, che i miei capelli sono rosso scuro e anche bruni, che sono alta e che non supero la statura media, che sono vestita bene e con decoro, che per raggiungere questo risultato ho derubato una donna morta, che so lavorare bene e in fretta, che ho un brutto carattere e un temperamento litigioso, che sembro una donna al di sopra della mia modesta posizione sociale, che sono una brava ragazza di indole docile e con una buona reputazione, che sono astuta e scaltra, che sono un po’ scema e poco meno che idiota. E mi chiedo: come faccio a essere tutte queste cose diverse, tutte insieme?

Grace Marks è un personaggio complesso, articolato, che affascina e irretisce il lettore attraverso una dialettica lucida e impeccabile, la cui ambiguità risiede nelle molteplici sfaccettature, dettate dalla personale esperienza: qualunque cosa accade nella vita Grace viene vissuta dal personaggio con un certo distacco, forse dovuto anche al suo eccessivo autocontrollo, come se fosse sempre fuori dalla sua vita, mai dentro. Il lettore così si troverà in presenza di una Grace spettatrice di ciò che le accade, e una Grace che subisce quella stessa vita di cui è vittima. Tuttavia, questo concetto non è posto a giustificazione del titolo!

L’amnesia dissociativa, per la quale è chiamato a rispondere il dottor Simon Jordan, con la dissociazione della personalità, nota allora come dédoublement, diventò una vera teoria soltanto negli ultimi tre decenni del XIX secolo; l’incapacità di ricordare, ma comunque l’estrema difficoltà di scoprire cosa è realmente accaduto, è uno dei temi ricorrenti in Margaret Atwood.

Come lei sa, signore, non ricordo con esattezza gli avvenimenti di quel giorno terribile, ho la sensazione di non essere stata presente, di essere rimasta in stato d’incoscienza per molte ore; ma sapevo bene che se l’avessi detto mi avrebbero riso in faccia; Jefferson, il macellaio, testimoniò di avermi vista e di aver parlato con me, io gli avrei detto che non avevamo bisogno di carne fresca.

Il XIX secolo, periodo in cui è ambientato il romanzo, è un terreno fertile per le osservazioni di un romanziere contemporaneo, in quanto fu un’epoca ossessionata dalla memoria, dall’oblio, dal sonnambulismo e dall’ipnosi, senza dimenticare Mesmerismo e Spiritismo che si mostravano in tutto il loro fascino alla scienza, ma fu un momento storico di grande importanza poiché per la prima volta si attribuì un valore scientifico alla mente e alla psiche umana.

Con L’altra Grace Margaret Atwood ancora una volta reinterpreta Storia e Società, coinvolgendo con ambientazioni visionarie e tormentate, la cui atmosfera, accentuata dal richiamo a superstizioni e miti popolari e con l’alternarsi di filastrocche e versetti poetici, trascina il lettore in suggestioni che solo una grandissima scrittrice, dotata di grande cultura, sensibilità e spiccata intuizione, riesce a raccontare con maestria ed eleganza stilistica.

In questi giorni penso spesso a Mary Whitney, e a quella volta che ci gettammo dietro le spalle le bucce di mela; in un certo senso, si è avverato tutto. Io ho sposato un uomo il cui nome comincia per J, proprio come diceva lei; diceva anche che prima dovevo attraversare l’acqua per tre volte, e così è stato: due volte sul vaporetto per Lewiston, all’andata e al ritorno, e poi un’altra volta per venire qui.

QUARTA DI COPERTINA

Nel 1843 il Canada è sconvolto da un atroce fatto di cronaca nera: l’omicidio del ricco possidente Thomas Kinnear e della sua amante, la governante Nancy Montgomery. Imputata insieme a un altro servo, la sedicenne Grace Marks viene spedita in carcere e, sospettata di insanità mentale, in manicomio. A lungo oggetto dei giudizi contrastanti dell’opinione pubblica – propensa a vedere in lei ora una santa, ora una carnefice – la protagonista del romanzo può finalmente raccontare la propria vita al giovane dottore Simon Jordan. Convinto di mettere le proprie conoscenze al servizio della verità sul caso, e al tempo stesso contribuire al progresso della scienza psicologica, Jordan non potrà fare a meno di restare ammaliato da questa personalità complessa e inafferrabile.
Nelle mani di Margaret Atwood, il dialogo che si instaura tra i due si trasforma nel ritratto psicologico di una persona due volte vittima del sistema sociale – in quanto povera e in quanto donna – e assurge a denuncia delle enormi contraddizioni di una società maschilista e tormentata da conflitti interni perché incapace di accettare l’«altro».

Chi è MARGARET ATWOOD

Margaret Atwood è una delle voci più note della narrativa e della poesia canadese. Laureata a Harvard, ha esordito a diciannove anni. Ha pubblicato oltre venticinque libri tra romanzi, racconti, raccolte di poesia, libri per bambini e saggi. Più volte candidata al Premio Nobel per la letteratura, ha vinto il Booker Prize nel 2000 per L’assassino cieco e nel 2008 il premio Principe delle Asturie. Fra i suoi titoli più importanti ricordiamo: L’altra Grace (2008), L’altro inizio (2014), Per ultimo il cuore (2016), Il canto di Penelope (2018), tutti usciti per Ponte alle Grazie. Margaret Atwood vive a Toronto con il marito, lo scrittore Graeme Gibson, e la figlia Jess.

DETTAGLI

Titolo: L’altra Grace

Autore: Margaret Atwood

Editore: Ponte alle Grazie

Collana: Scrittori

Data pubblicazione: 19 ottobre 2017

Formato: Brossura

Pagine: 576

Prezzo: € 20,00

EAN: 9788868337377

Traduttrice: Margherita Giacobino

DONNE, SCRITTURA E LETTERATURA… “AL FEMMINILE”?

Da quando ho avuto modo di recensire alcune pubblicazioni della casa editrice La Tartaruga, un quesito, tra l’altro dibattuto, a cui difficilmente si è riusciti a dare una risposta concreta, ha cominciato a farsi strada nella mia mente: si può parlare di scrittura femminile? Di conseguenza, esiste una letteratura prettamente al femminile?

Alcune volte, in libreria mi è capitato di notato cartelli con su scritto “letteratura femminile” e ancora “narrativa al femminile” per indicare la sezione dedicata alla letteratura “sentimentale”.

Quindi la scrittura femminile è legata a un preconcetto? Adesso lo andremo a vedere…

La letteratura scuote la mente e ne amplifica l’esperienza esistenziale, a tal fine non credo sia utile una distinzione di genere.

Da curatrice del blog Into The Read, leggo molto, dedicando una buona parte della mia giornata ai libri e, dovendo occuparmi di vari generi, sono giunta alla conclusione che si può parlare di scrittura femminile solo in riferimento al fatto che “forse” le scrittrici sembrano maggiormente propense e più disposte a intrecciare la propria sensibilità ai costrutti narrativi. Di contro, però, sono costretta a smentirmi se penso ai libri di autori dotati di tutta quella sensibilità, che potremmo facilmente riscontrare in un’autrice, per cui una particolare sensibilità non può essere considerata uno specifico femminile.

Credo che Bianca Pitzorno abbia ragione quando afferma che per scrivere ci vuole una mente androgina, slegata da preconcetti di genere e proiettata verso un’assolutezza concettuale, capace di inglobare ogni aspetto della realtà, mettendo in equilibrio perfetto le due parti, quella maschile e femminile. Aprendo un libro, difficilmente riusciremmo a identificare il sesso dello scrittore da ciò che vi è scritto, ma è anche pur vero che non riesco a immaginare La Divina Commedia di Dante o L’Odissea di Omero scritta da una donna… a quel tempo l’idea della scrittrice avrebbe mandato fuori di testa chiunque.

Le pubblicazioni de La Tartaruga sono tutte incentrate su opere prodotte esclusivamente da donne, non a caso è un marchio storico del femminismo italiano; i libri che ho avuto modo di leggere, e quindi di recensire su Into The Read, hanno rappresentato un percorso culturale di straordinaria bellezza: storie di donne, raccontate da donne, il cui lirismo narrativo si accompagna a una sensibilità tutta femminile.

stanzaUn tempo era impensabile che un’autrice potesse pubblicare un libro, il fatto era ritenuto sconveniente, andava oltre il ruolo ricoperto all’interno della società, basti pensare alle sorelle Brontë, che preferivano firmarsi con pseudonimi maschili. La letteratura è disseminata di casi analoghi!

Nella nostra società, la presenza femminile in ambito artistico è preminente e lo è sempre stata, le donne hanno sempre esercitato una notevole influenza sul piano intellettuale.

Eppure ritengo che le scrittrici, rispetto ad altre categorie, rappresentino un caso diverso, poiché differente è stata l’affermazione in ambito culturale, con riferimento per esempio alle pittrici; nei primi anni del Novecento, le pittrici hanno dovuto faticare per ritagliarsi uno spazio, nei movimenti d’avanguardia entrano dalla porta secondaria, dove si presentano come semplici modelle, o compagne di artisti, per dar prova di talento solo successivamente.

Le scrittrici, invece, si dedicano inizialmente alla compilazione di diari o lettere, essendo escluse da narrativa e saggistica, poiché scrivere pubblicamente era impensabile, tuttavia hanno sempre potuto contare su un pubblico femminile interessato, a cui potersi rivolgere.

Oggi la narrativa è invasa dalle donne, le scrittrici sono tantissime e, se talentuose, vendono…

Benedetto Croce sosteneva che le donne sono “l’infinito pulviscolo di romanzatrici, le instancabili romanzatrici”.

I social mi offrono l’opportunità di seguire diverse scrittrici di talento, anche perché se non lo fossero non le seguirei, avendo poco tempo da dedicarvi: come dico io poche ma buone e questo vale anche per gli autori. Ma in questo specifico caso, parlando di scrittura femminile, focalizziamo l’attenzione sulle autrici, le quali si dedicano alla scrittura con dedizione, anche se impegnate su diversi fronti e pur non avendo “una stanza tutta per sé” ritenuta fondamentale per Virginia Woolf.

Se ha intenzione di scrivere romanzi, una donna deve possedere denaro e una stanza tutta per sé.

– Virginia Woolf –

Per le donne scrivere vuol dire costruirsi uno spazio interiorizzato e privato, all’interno del quale, strutturato il blocco narrativo, sarà possibile condividerlo all’esterno, solo dopo averlo filtrato attraverso quella sensibilità tutta femminile, che trova un’origine nel cuore e il suo punto focale nell’intelletto.

Questa sensibilità, che la donna riversa nella sua scrittura, è riscontrabile anche nelle giornaliste, capaci di cogliere e registrare ogni forma di cambiamento, impegnandosi in battaglie di opinione, portando alla luce situazioni dolorose, ma soprattutto facendosi portavoce di un disagio femminile, spesso coperto dal silenzio sociale. azzurro pallido

L’emancipazione femminile quindi passa anche dalla scrittura la quale, attraverso l’articolato processo creativo, ha dato voce a grandi autrici, che hanno saputo e sanno interpretare e rappresentare il mondo che le circonda, liberandosi da tutti quei pregiudizi che per secoli le ha volute contadine analfabete, se non addirittura fattucchiere.

Le donne che amano hanno un sesto senso. Il loro intuito è sicuro come quello di animali selvaggi che fiutano il nemico. Possiedono virtù divinatorie che riguardano le colpe maschili.

Scrittura femminile azzurro pallido di Franz Werfel –

La capacità di scrivere, orientando al meglio la propria scrittura, non ha nulla a che vedere con il genere, ma con l’individuo, quello che conta veramente è la qualità di ciò che viene scritto e quindi letto; superati gli inutili preconcetti, volti solo a discriminare, scrivere vuol dire scavare in quella parte della coscienza, dove vi affiorano le più profonde inquietudini dell’animo umano.

Come sostiene ironicamente Margaret Atwood “si scrive per compiacere sé stessi… per fare maramao alla Morte… per fare soldi… perché non si sopporta l’idea di un lavoro…