LA SOTTILE ARTE DELLA RECENSIO

Le recensioni non sono scritte per lo scrittore. Sono scritte per i lettori. Che una recensione sia favorevole o sfavorevole, è una cosa che davvero non tocca quel processo lungo, arduo e intricato attraverso il quale un romanzo prende forma. Nel corso di un singolo giorno di lavoro, uno scrittore alle prese con un romanzo compie migliaia di scelte e queste scelte sono decise da migliaia di altri fattori, eccetera. Il lavoro del recensore, non importa quanto dotato, si svolge in un’altra sfera – PHILIP ROTH

Sui social mi capita spesso di imbattermi in post dove ci si domandano se sia giusto favorire lo scrittore, proponendo solo l’aspetto positivo di una recensione perché, priva di critiche, non è una buona recensione in termini di veridicità.

Se volessimo sintetizzare il fatto, mi verrebbe da pensare che è un po’ come quando incontri qualcuno criticandolo per come è vestito, potresti semplicemente astenerti e non pensarci più. Tuttavia, la questione è certamente molto più seria e merita un maggiore approfondimento.

Intanto, partiamo dal termine RECENSIRE, il quale deriva dal verbo latino recensere e significa esaminare, passare in rassegna, riflettere.

Se facciamo una ricerca sui dizionari di lingua italiana, anche online, viene riportato più o meno: recensire, esaminare un’opera letteraria, scientifica o artistica di cui vengono analizzati gli aspetti contenutistici ed estetici.

Dovrebbe essere chiaro quello che è lo scopo di una recensione, ovviamente nello specifico mi riferisco alle recensioni libri, ma tutte le recensioni hanno lo stesso scopo, vale a dire avvicinare un potenziale fruitore, quindi il lettore, a un libro, suscitandone la curiosità, catturando così l’interesse di un potenziale acquirente, dopo che il libro è stato posto al vaglio del recensore. Che se onesto e ama fare ciò che fa NON PUÒ NON AVER LETTO CIÒ CHE SI ACCINGE A PROPORRE! Sarebbe una follia pensare di recensire un libro senza averlo letto, anche perché basta un’insidia dietro l’angolo per essere sbugiardati.

Altro scoglio da superare è la definizione etimologica del termine, che serve a definire colui o colei che recensisce e che mi sono resa conto non è poi così scontata, dato che mi è capitato di imbattermi in recensionista, il termine non trova alcuna collocazione etimologica, essendo inesistente nella lingua italiana. Si utilizza recensore, raro il femminile recensitrice o recensóra.

Tuttavia, mi rifiuto di essere un recensore e ancor di più una recensora, anche con recensitrice ho i miei problemi, è un termine cacofonico, ha un suono orribile.  Ma questo è!

Quindi stabilito ciò, il lavoro del recensore/recensitrice è un impegno di grande responsabilità, devi essere assolutamente sincero con chi ti legge e al contempo devi essere fedele a te stesso.

Certo la “recensione” si presta a varie interpretazioni, in quanto la parola viene associata al CRITICARE, che a mio avviso non deve avere necessariamente una connotazione negativa.

La lingua italiana è un dedalo infernale!

Su Into the Read il contenuto principale del blog è dedicato proprio alle recensioni, ma sin dall’inizio, da quando ho cominciato a recensire, anche sul mio vecchio blog Dentro La Quarta, ho deciso di operare una scelta ben precisa: recensire solo ciò che mi è VERAMENTE e sottolineo veramente piaciuto, senza riserva alcuna!

Non recensisco mai autori il cui lavoro non mi ha convinta, non recensisco mai autori esordienti (e anche qui ci sarebbe tanto da dire), hanno ancora molta strada davanti e non recensisco generi che non amo.

Dietro ogni libro, dentro ogni storia, in ogni pagina ci sono sogni, speranze, ambizioni, fatica e tanta convinzione e per quanto spesso sarebbe facilissimo demolire l’impegno altrui, semplicemente supero e vado avanti.

Ѐ anche vero che mi vengono proposti libri e qualche volta mi permetto di propormi tuttavia, qualora non trovassi interessante la lettura, rimanderei indietro ciò che ho ricevuto, accompagnato dalle mie scuse più sincere, oppure considererei di aver fatto un pessimo acquisto. A tutt’oggi non ho ricevuto nulla che non valesse la pena di essere recensito e nelle mie scelte non mi sono mai sbagliata, esclusa qualche rarissima eccezione. Infatti, con presunzione affermo di aver sviluppato un ottimo intuito.

Valorizzare il lavoro di un autore che merita mi gratifica, aprire e leggere un buon libro è meraviglioso, ho cominciato a dedicarmi alla lettura piuttosto presto, l’interesse è sorto alle scuole elementari, il maestro proponeva letture di una piccola della biblioteca scolastica che, se fossero piaciute, si sarebbero potute acquistare. Ho continuato a leggere regolarmente dal primo anno di scuole medie e poi l’influenza familiare in tal senso è spesso determinante. Il tempo mi ha concesso di acquisire una certa esperienza, di affinare l’intuito. Leggere è trovarsi di fronte la vita in un concentrato di esperienze possibili, per me ha spesso rappresentato un rifugio e il processo di immedesimazione ha fatto il resto.

Quindi in considerazione della responsabilità che si ha nel momento in cui si recensisce, dell’impegno che si prende prima con il lettore e poi con l’autore, per quanto riguarda Into The Read sempre e solo recensioni costruttive.

Certo mi piacerebbe leggere molto di più, ci sono molti libri che in questi anni non ho fatto in tempo a recensire, la lettura mi proietta continuamente in avanti, eppure in un modo o in un altro ve li ho segnalati.

L’atto del leggere implica un evento di significazione, che sottintende il vissuto di una cultura all’interno delle relazioni tra autore e personaggio – CARLO AUGIERI

Altra scelta operata sul mio blog è quella di evitare di leggere il primo lavoro di un autore, mi è capitato di inficiare i giudizi successivi al primo libro, stranamente le ingenuità iniziali mi sono tornate in mente con il secondo. Quindi, spesso leggo il secondo lavoro e poi magari prendo il primo. Così come non leggo mai i generi che non prediligo particolarmente, questo avrebbe un’incidenza negativa sul lavoro del suo autore, sarebbe perfettamente inutile.

Amo l’entusiasmo dei “giovani” scrittori, la solidità dei professionisti, la forza creativa delle loro ambizioni e altrettanto detesto il volere a qualunque costo distruggere il lavoro altrui, quando immotivato.

In Italia, a differenza di ciò che viene detto, si legge tanto (anche se si potrebbe leggere ancora di più) e si scrive tantissimo!

E un buon lettore riconosce, intuisce, filtra: è ben capace di operare una scelta, al di là delle parole di un recensore. Comunicargli però che quel libro non è un buon libro significa mettere in discussione tutta una serie di fattori che vanno oltre il proporre una lettura, richiedono motivazioni concrete che poggiano su conoscenze profonde e specifiche, includendo vari campi del sapere. Per stroncare un libro servono competenze, non basta un semplice non mi piace, non si tratta di una chiacchierata tra amici, soprattutto se critichi l’operato altrui pubblicamente, quindi ci vuole qualcosa di più di tante letture.

In genere, la valutazione critica di un prodotto editoriale viene operata da figure professionali ben precise, primo fra tutti il critico letterario, che è in possesso di tutti gli strumenti di ordine teorico, pratico, contenutistico, atti alla valutazione letteraria in generale e di un’opera nello specifico. Pensare di possedere le armi giuste per distruggere il lavoro altrui presentandosi in battaglia con una fionda è ridicolo, se devo criticare un’opera e quindi il suo autore mi dovrò armare di un’artiglieria talmente pensante da non destare alcun dubbio.

La letteratura ha le spalle larghe, è un campo di battaglia troppo serio per fingersi audaci!

Io non ricopro la funzione di critico letterario, né lo desidero, voglio solo che il lettore quando troverà una mia recensione potrà riconoscere tutti i punti di forza che sono stata in grado di cogliere e che fanno di buon libro un ottimo autore. Il lettore di contro, un essere senziente e capace di discernere una buona lettura, potrà comprendere il potenziale di ciò che il recensore vuole proporre, oppure semplicemente non condividerne l’entusiasmo.

Certamente ci sarà sempre chi dissente, democrazia è anche questo!

I genitori ti insegnano ad amare, ridere e correre. Ma solo entrando in contatto con i libri si scopre di avere le ali – HELEN HAYES

L’ASSASSINIO DI FLORENCE NIGHTINGALE SHORE Jessica Fellowes

I contorni della strada svanivano, divorati dall’oscurità, ma la fiumana di gente non accennava a diminuire. Le coppiette si attardavano davanti alle belle vetrine, decorate con luci elettriche e deliziose squisitezze natalizie: scatole di cartone colorato ricolme di lokum, i cui morbidi cubi rosa e verde sembravano brillare di luce propria attraverso lo spesso strato di zucchero a velo; i volti pallidi, lucidi delle bambole di porcellana nuove, gambe e braccia rigide negli abitini di cotone inamidato e strati su strati di impalpabile tulle del sottogonna che spuntavano da sotto l’orlo.

asUscito il 16 novembre 2017 per Neri Pozza, L’assassinio di Florence Nightingale Shore è il primo di sei romanzi ambientati nell’Inghilterra degli anni Venti e Trenta, con protagoniste le sei sorelle Mitford, attorno a cui verranno costruiti I delitti Mitford, Sei sorelle, una vita di misteri.

La scrittrice Jessica Fellowes è autrice di studi su Downtown Abbey, nonché nipote di Julian Fellowes, suo noto autore e sceneggiatore.

È il 1919, l’infermiera Florence Nightingale Shore deve prendere un treno, che la porterà da una sua amica, ma viene assassinata durante la corsa, non raggiungendo mai la sua destinazione. Nello stesso momento, la giovane Louisa Cannon è impegnata a saltare giù dallo stesso treno, per scappare dal terribile e pericoloso zio Stephen, che vorrebbe dare la nipote a saldo dei propri debiti di gioco, a uomini di dubbia fama. L’unica salvezza per Louisa è un posto di lavoro presso la famiglia Mitford, ad Asthall Manor nella campagna dell’Oxfordshire; fortuna vuole che a soccorrerla sia un giovane agente della polizia ferroviaria di Londra Brighton & South Coast, Guy Sullivan, che si offre volontario per aiutarla a raggiungere Asthall Manor. Louisa riuscirà a farsi assumere, diventando amica della figlia più grande dei Mitford, Nancy, una giovane ragazza di sedici anni ribelle e curiosa, che dimostra di possedere un particolare talento nel raccontare e scrivere storie. Insieme le due indagheranno sulla misteriosa morte di Florence Nightingale Shore, trovandosi coinvolte nell’indagine portata avanti dal giovane agente Guy Sullivan.

La forza del costrutto narrativo dell’intero romanzo sta in un semplice format, già collaudato da Jessica Fellowes con Downtown Abbey e in questo specifico caso nella realizzazione di un crime, dove omicidio e dramma in costume si intrecciano alle vite di aristocratici e domestici, upstairs/downstairs, strutturando il tutto con dovizia di particolari. I fatti, frutto dell’immaginazione, vengono rimescolati a una vicenda di cronaca nera realmente accaduta e rimasta irrisolta, ossia l’omicidio dell’infermiera Forence Nightingale Shore, a cui si riallaccia la vita delle chiacchieratissime sorelle Mitford, “leggendarie” figure del secolo scorso.

Ogni mattina e ogni pomeriggio, tutta la truppa veniva riunita e accompagnata a fare una camminata a passo svelto a Kensington Gardens. Lousa sospettava che, nonostante le lagnanze, Nanny Blor fosse segretamente orgogliosa di spingere la piccola Debo nell’imponente carrozzina Silver Cross, sapendo di poter reggere il confronto con le bambinaie snob diplomatesi a Norland.

Tanto la finzione, quanto la realtà ruotano attorno alla protagonista, Luoisa Cannon, filo conduttore tra le tre diverse parti, su cui vengono costruiti abilmente i fatti narrati, infatti Louisa collega le varie vicende attraverso Nancy, divenendo la cameriera addetta alla nursery a casa Mitford, attraverso Guy Sallivan, elemento essenziale per lo svolgimento delle indagini e infine è un elemento di congiunzione con la stessa vittima, Florence Nightingale Shore.

L’autrice mantiene desta l’attenzione con vari colpi di scena, che spingono durante la lettura ad accumulare indizi, mantenendo il lettore vigile a ogni cambio di situazione e ambientazione, solo così si potrà andare alla ricerca del colpevole, rimanendo con il fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina e al contempo subendo il fascino del contesto socio-culturale del tempo, con la consapevolezza che la base della vicenda è reale. Le descrizioni e le ambientazioni, curate nei minimi dettagli, inoltre ricordano al lettore che ci troviamo in una Londra che cerca di riprendersi dalla Grande Guerra, trascinandolo in dietro nel tempo per ripercorrere a ritroso la storia del secolo scorso.

Un’ora dopo, Louisa camminava lungo il corridoio con Decca per mano e Unity che le seguiva scontenta. Stavano andando a fare una passeggiata in giardino, quando vide Nancy che, immobile come una statua, stava con l’orecchio incollato alla porta dello studio del padre. Prima che lei potesse aprire bocca, Nancy si premette un dito sulle labbra, quindi si raddrizzò e le si avvicinò.

E pur essendo piuttosto semplice seguirne le vicende, non è un racconto scontato e di facile soluzione, poiché il meccanismo che sta alla base della struttura narrativa svia più volte il lettore, non rendendo per nulla scontata la soluzione del caso.

Le sorelle Mitford meriterebbero un ambito di discussione a parte, in considerazione della vita avventurosa e delle vicende loro attribuite, infatti sembrano incarnare a pieno lo spirito del secolo scorso, di quel Novecento dai grandi rivolgimenti e dalle grandi tragedie storiche, ognuna con il proprio particolare e specifico modo di essere. Figlie dell’aristocratico inglese David Freeman-Mitford, barone di Redesdale, divennero figure iconiche grazie a una vita politicamente controversa e per essere considerate un esempio di stile; per farsi un’idea di ciò che voglio dire, basta leggere un trafiletto del The Times che recita: “Diana la fascista, Jessica la comunista, Unity l’amante di Hitler, Nancy la romanziera, Deborah la duchessa e Pamela la discreta esperta di pollame”.

Anche se nate a inizio Novecento sono sei donne fortemente moderne, anticonvenzionali e molto determinate, donne fuori dal comune; la loro stessa vita può essere considerata un romanzo.

Quindi glamour e fascino, intrigo e buoni sentimenti fanno da collante a un romanzo, che non ha nulla da invidiare ai grandi gialli del secolo scorso; al lettore il compito di accumulare indizi, per trovare il colpevole.

Il coroner chiamò il medico al banco dei testimoni. Era un bell’uomo, con gli occhi chiari e limpidi. Portava un abito di ottima fattura con un fiore all’occhiello, i capelli con la riga in mezzo e perfettamente lisci sul cranio. Descrisse con grande precisione le ferite sulla signorina Shore, osservate il giorno dopo la sua morte.

morte diE’ già disponibile in tutte le librerie il secondo attesissimo romanzo Morte di un giovane di belle speranze – I delitti Mitford, uscito il 15 novembre, sempre edito da Neri Pozza Editore. Mentre per chi volesse approfondire la storia delle sorelle Mitford, rimando a Le sorelle Mitford. Biografia di una famiglia straordinaria di Mary S. Lovell, edizioni Neri Pozza.

 

QUARTA DI COPERTINA

Il 12 gennaio 1920 l’infermiera Florence Nightingale Shore arriva a Victoria Station nel primo pomeriggio, in taxi, un lusso che ritiene di meritare a un passo dalla pensione e dopo una vita di sacrifici. Il mezzo di trasporto si intona, infatti, alla sua pelliccia nuova, regalo che si è concessa per il compleanno e che ha indossato per la prima volta solo il giorno precedente. Dopo aver acquistato un biglietto di terza classe per Warrior Square, Florence Nightingale Shore si accomoda nell’ultimo vagone, dove attende che il treno si metta in movimento. Poco prima della partenza nel suo scompartimento entra un uomo con un completo di tweed marrone chiaro e un cappello. È l’ultima volta che qualcuno la vedrà viva.
Il giorno stesso, sulla medesima tratta, la diciottenne Louisa Cannon salta giù da un treno in corsa per sfuggire all’opprimente e pericoloso zio, che vorrebbe sanare i propri debiti «offrendo» la nipote a uomini di dubbia reputazione. A soccorrerla è un agente della polizia ferroviaria, Guy Sullivan, un ragazzo alto e allampanato, gli incisivi distanti e gli occhiali spessi e tondi che gli scivolavano sempre sul naso. Affascinato dalla determinazione della giovane, Guy si offre di aiutarla a raggiungere Asthall Manor, nella campagna dell’Oxfordshire, dove la ragazza deve sostenere un colloquio di lavoro come cameriera addetta alla nursery presso la prestigiosa famiglia Mitford.
Louisa riesce a farsi assumere, divenendo istitutrice, chaperon e confidente delle sei sorelle Mitford, specialmente della sedicenne Nancy, una giovane donna intelligente e curiosa con un talento particolare per le storie, talento che le permetterà poi di essere una delle più sofisticate e brillanti scrittrici britanniche del Novecento.
Sarà proprio la curiosità di Nancy a spingerla a indagare, con l’aiuto di Guy, sul caso che sta facendo discutere tutta Londra: quello dell’infermiera assalita brutalmente sulla linea ferroviaria di Brighton.

Basato sul vero omicidio, rimasto irrisolto, di Florence Nightingale Shore, questo è il primo romanzo di una serie di avvincenti gialli ambientati nell’Inghilterra degli anni Venti e Trenta, con protagoniste le sei «leggendarie» sorelle Mitford.

 

 

Chi è Jessica Fellowes?

Jessica Fellowes, nipote dell’acclamato autore britannico Julian Fellowes, è scrittrice e giornalista, conosciuta per essere l’autrice di cinque libri sui retroscena delle celebre serie TV Downton Abbey, molti dei quali sono apparsi nella lista dei bestseller del New York Times e Sunday Times. Ex vice direttrice di Country Life e giornalista del Sunday Mail, ha scritto per diverse testate tra cui il Daily Telegraph, il Guardian, il Sunday Times e The Lady. L’assassinio di Florence Nightingale Shore. I delitti Mitford è il primo di una serie di gialli ambientati negli anni Venti.

 

DETTAGLI

Titolo: L’assassinio di Florence Nightingale Shore

Sottotitolo: I delitti di Mitford

Autore: Jessica Fellowes

Traduttore:  Maddalena Togliani

Editore: Neri Pozza

Pagine: 400

Pubblicazione: novembre 2017

ISBN/EAN: 9788854516199

 

 

 

 

LE SORELLE DONGURI Banana Yoshimoto

Vogliono avere la certezza che lanciando un sassolino in questo oceano così vasto potranno vedere comunque i cerchi nell’acqua. Vogliono sapere che dall’altra parte c’è qualcuno, anche se si tratta di qualcuno che non potranno mai vedereyoshimoto

Banana Yoshimoto, l’autrice giapponese più amata dagli italiani, torna in libreria sempre per Feltrinelli con LE SORELLE DONGURI. Il costrutto narrativo ruota attorno a tutti gli elementi tipici dell’autrice, sembra quasi di riuscire a percepire il profumo del samgyetang, piatto tipico coreano, spesso citato nel corso della narrazione.

LE SORELLE DONGURI sono due giovani ragazze giapponesi, rimaste orfane, il cui percorso di vita ha lasciato in ognuna segni indelebili, sui quali hanno strutturato la propria personalità: Guriko, la voce narrante, è la più piccola e la più introversa, che ha permesso al dolore di renderla sì sensibile, ma al contempo fragile e poco avvezza alla socializzazione; di contro, la maggiore delle due sorelle, Donko, è estroversa, quella che ama farsi attraversare dai sentimenti, senza però volerne rimanere del tutto coinvolta.

Credo che sia difficile trovare la felicità da adulti se non si è assaporata davvero l’infanzia, ma in fondo noi avevamo cercato disperatamente di riprendercela.

Le due sorelle, dopo la morte del nonno, decidono di aprire un sito di posta del cuore, che darà l’occasione a Guriko di seguire una serie di segni, che la condurranno da ciò che si mostra come un semplice sogno a una realtà dolorosa, legata ad un amore del passato. Il tutto narrato con grande delicatezza e perseguito con un’incognita di fondo…

Che succederebbe allora? Se tutto fosse un sogno, intendo. Se tu e io in realtà fossimo morte nello stesso incidente dei nostri genitori e stessimo solo sognando di essere vive. Se questo cielo e tutte le ceramiche che abbiamo comprato oggi fossero solo un sogno.

Con LE SORELLE DONGURI, Banana Yoshimoto ci mostra un universo apparentemente fragile, costruito intorno a sensazioni, percezioni e suggestioni oniriche, che trovano conferma e manifestazione nella realtà.

Tutto il racconto è percorso da un profondo amore per la natura, la cui purezza si sposa con quell’armonia tutta giapponese, sostenuta da equilibri, quasi a riflesso dello svolgimento della storia personale delle sorelle Donguri.

Per strada c’era sempre qualcuno che ci fermava e si metteva a parlare, quindi non ci sentivamo mai sole, senza contare che eravamo circondate dalla natura. I tramonti erano immensi, la luna e le stelle splendenti, era pieno di fonti termali, gli inverni erano relativamente temperati, le primavere un tripudio di gemme.

E anche in questo libro tornano i temi cari all’autrice: la morte, quindi la sofferenza dovuta alla perdita, il ripiegarsi nel dolore per raggiungere quella rinascita, che solo la riscoperta dei legami affettivi offre. Le sorelle Donguri vengono delineate nel consueto stile della Yoshimoto, che ricorre sempre a una scrittura molto femminile: le protagoniste sono due donne in bilico tra il dolore e la speranza, che rifiorisce non soltanto attraverso l’autoguarigione, soprattutto di Guriko, ma grazie anche all’amore di chi sta loro vicino, rendendole sempre più forti e fiduciose. In tutto questo Banana Yoshimoto mette in gioco una serie di elementi, quali estetica e trascendenza, per una storia avvincente e delicata.

Nel corso degli anni ho avuto modo di leggere diversi libri dell’autrice, tra cui H/H, Ricordi di un vicolo cieco e Il giardino segreto per il quale non mi resi conto che faceva parte di una quadrilogia, di cui mi mancavano i due libri precedenti. Eppure, pur sembrando sospeso in un limbo di elementi mancanti, dato che non conoscevo nei particolari la vicenda della protagonista, la storia mi ha coinvolta con il suo stile trascinante, fatto di periodi brevi e arricchito da pensieri e parole preziose che, così come accade in tutti gli altri libri di Banana Yoshimoto, spingono il lettore a riflettere sui grandi temi della vita.

Infatti, tutti i mondi tracciati dall’autrice sono immutabili nel tempo, le atmosfere spesso rarefatte, tipiche dei sogni, si infrangono come bolle di sapone; le sue storie non hanno trame complesse o sovrastrutturate e le vicende, che coinvolgono i suoi personaggi, se pur intrise di dolore e sofferenza, hanno sempre qualcosa di prezioso, raffinato, ricercato, sofisticato, insomma tutto si fa bellezza. I vari stati d’animo dei suoi protagonisti, le considerazioni sul vivere e sul morire, i progressi con il conseguente superamento e la rinascita si avvicendano con la sofisticata raffinatezza letteraria tipica di quest’autrice.

Quindi LE SORELLE DONGURI si rivelano sicuramente una lettura dai tratti spiritualmente positivi, il cui arricchimento interiore attinge direttamente dalla tradizione culturale nipponica, pronta sempre a offrire vari spunti di riflessione per una cultura tanto diversa dalla nostra.

Quando non si esce di casa per tanti giorni, nella nostra testa il mondo diventa a poco a poco più grande di quello reale. Senza che ce ne accorgiamo, le nostre fissazioni prendono il sopravvento.

 

 

QUARTA DI COPERTINA

Rimaste orfane, Guriko e Donko gestiscono un sito di posta del cuore che si chiama Le sorelle Donguri (donguri significa ghianda in giapponese). Donko è tanto energica e indipendente quanto la sorella è solitaria e taciturna. Questo fino a quando Guriko riceve il messaggio di una donna che le scrive del dolore per la perdita del marito, parole che inducono Guriko a ripensare al suo primo amore, Mugi, incontrato ai tempi della scuola e poi sparito nel nulla. Segretamente cova da sempre il desiderio e la speranza di ritrovarlo, decide allora di interrompere la sua clausura e di andare a cercarlo.
Attraverso la delicata voce narrante di Guriko, Banana Yoshimoto affronta temi quali la perdita e il superamento del dolore, ponendo l’accento sul potere salvifico della condivisione e sulla capacità dei sogni di sciogliere tensioni e problemi.

 

Chi è Banana Yoshimoto?

Banana Yoshimoto (Tokyo, 1964) ha conquistato un grandissimo numero di lettori in Italia a partire da Kitchen, pubblicato da Feltrinelli nel 1991, e si è presentata come un autentico caso letterario. Dei suoi altri libri, tutti pubblicati da Feltrinelli, ricordiamo: N.P. (1992), Sonno profondo (1994), Tsugumi (1994), Lucertola (1995), Amrita (1997), Sly (1998), L’ultima amante di Hachiko (1999), Honeymoon (2000), H/H (2001), La piccola ombra(2002), Presagio triste (2003), Arcobaleno (2003), Il corpo sa tutto (2004), L’abito di piume (2005), Ricordi di un vicolo cieco (2006), Il coperchio del mare (2007), Chie-Chan e io (2008), Delfini (2010), Un viaggio chiamato vita (2010), High & Dry. Primo amore (2011), Moshi moshi (2012), A proposito di lei (2013),  Andromeda HeightsIl Regno 1 (2014), Il dolore, le ombre, la magia. Il Regno 2 (2014), Il lago (2015), Il giardino segreto. Il Regno 3(2016), Another World. Il Regno 4 (2017), Le sorelle Donguri (2018) oltre ad alcuni racconti nella collana digitale Zoom (Moonlight Shadow, 2012, Ricordi di un vicolo cieco, 2012, La luce che c’è dentro le persone, 2011). Banana Yoshimoto ha vinto il premio Scanno nel 1993, il premio Maschera d’Argento nel 1999 e il premio Capri nel 2011.

 

DETTAGLI

Editore: Feltrinelli

Data d’uscita: Giugno 2018

Collana: I Narratori

Pagine: 112

Prezzo: 12,00€

ISBN: 9788807032943

Genere: Narrativa

Traduttore: Gala Maria Follaco