CONSIGLI DI LETTURA? NAPOLI RISPONDE

Buongiorno miei lettori,

avrete avuto modo di notare come in questo periodo non mancano i gesti di solidarietà, la vita al tempo del coronavirus è attraversata da atti significativi, piccoli o grandi che siano ed è giusto sottolinearli, permettendo a tutti di venirne a conoscenza.

Così, oggi vorrei raccontarvi di un’iniziativa interessante del Grand Hotel Europa a Napoli il quale, come tutte le strutture turistiche, si trova ad affrontare una situazione difficile; i clienti hanno abbandonato da tempo le camere ma, come detta lo spirito del napoletano DOC, ci si reinventa e lo staff del Grand Hotel ha dato nuovo significato al concetto di solidarietà, in una forma del tutto digitale, con il suo progetto The Unstoppable Reception; tenere aperta la reception telefonica diventa una priorità, per far compagnia a coloro che possono sentirsi soli o semplicemente cercano un contatto con il mondo esterno.

E allora basta comporre il numero per discutere, chiedere, sapere: per farvi consigliare un libro, un film o semplicemente ricevere suggerimenti su una ricetta.

Oltre 900 milioni di persone in tutto il mondo sono confinate nelle loro abitazioni, al punto che con l’isolamento a Venezia sono tornati i cigni, i delfini sono riapparsi nel porto di Cagliari e la natura indisturbata si riappropria degli spazi, permettendo addirittura alle stelle di mostrarsi in tutti il loro splendore sul cielo notturno delle grandi capitali del mondo, fatto che non avveniva da tempo. Quindi affermare che il Covid-19 ha stravolto il Pianeta è dire poco, sappiamo che lo ha fatto in negativo, ma con un’incidenza sull’impatto ambientale insolitamente positiva e del tutto inaspettata.

E mentre le attività sono in stallo al Grand Hotel Europa, dopo aver rimborsato le prenotazioni, per non precipitare è bastato cambiare il modo di guardare alle cose, decidendo di arginare la solitudine e quel senso di abbandono in coloro che, soli, desiderano un contatto con l’esterno.

 

 

Così il Grand Hotel Europa non smette di accogliere e rassicurare, svolgendo le consuete mansioni, ma sotto un’altra ottica infatti, durante il lockdown, il telefono della reception diventa un numero di supporto per chi si sente solo.

Perché lo facciamo? Perché capiamo che le “prime necessità” non sono solo cibo e medicine. Perché sappiamo che la solitudine può essere molto dolorosa da combattere, ma che a volte basta poco per non sentirsi soli.

Quindi, se avete bisogno di compagnia, desiderate sfogarvi o solo per fare due chiacchiere, potete chiamare il Grand Hotel Europa, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 14.00 al numero 351 7027052 e dalle 15.00 alle 18.00 al 339 3585580; loro assicurano:

Noi siamo sempre pronti alle cornette, per consigliarvi un libro da sfogliare, un film da vedere, una ricetta da preparare, o un itinerario da iniziare a sognare.

 

GLI EBOOK GRATUITI DI PAULO COELHO… e non solo

Miei carissimi lettori,

mentre l’isolamento sociale rende sempre più difficile l’accesso ai libri attraverso le librerie, di contro gli editori e gli autori stanno raddoppiando i loro sforzi in modo che i libri possano giungervi sempre più facilmente; uno dei tanti impegni presi in tal senso arriva anche dal più amato romanziere brasiliano, Paulo Coelho, che ha deciso di rendere gratuiti alcuni dei suoi titoli in formato digitale.

Sui social network, gli autori si fanno in quattro per riuscire a mantenere vivo l’interesse dei followers, e se organizzare presentazioni di nuove pubblicazioni è impensabile, capita spesso di notare scorrere, sulle varie homepage social, video in cui gli autori si cimentano in letture di brani tratti da prossimi libri in uscita, così come non è rara la pubblicazione di post contenenti brevi racconti inediti, per intrattenere i seguaci confinati.

E così, la scorsa settimana, scorrendo la mia homepage di Instagram mi sono imbattuta nel seguente post di Paulo Coelho

Sul suo sito web, l’autore rende disponibili molti dei suoi libri in formato EPUB, tra cui è  possibile trovare anche alcuni titoli in italiano, come sottolinea lo stesso autore nei commenti…

Per scaricare un titolo è semplicissimo: cliccate sulla copertina del libro che desiderate leggere; il formato EPUB consente l’accesso su vari supporti: PC, smartphone e tablet.

Inoltre volevo farvi presente che, dopo l’iniziativa #iorestoaleggere, dal 14 marzo l’intero catalogo ebook de La Nave di Teseo, Baldini+Castoldi e La Tartaruga offre uno sconto del 30%; come sottolinea l’ufficio stampa delle editrici su citate, questo vuole essere “Un gesto concreto considerata la chiusura temporanea delle librerie, per venire incontro al desiderio di lettura di tutti nel periodo complesso che stiamo attraversando.

#IoRestoALeggere, sempre a casa. Perché con un libro non si è mai soli.

 

 

image002

 

L’EREDITÀ DI ARIANE Françoise Bourdin

<<[…] E poi, una casa nascosta nella foresta, che appare all’improvviso al centro di una radura, è qualcosa di magico. Quando vengo a trovarti e supero gli ultimi alberi lungo la strada, rimango sempre colpita dalla sobrietà della sua architettura, dal suo aspetto tranquillo e imponente. Ti viene voglia di entrare per metterti al riparo.>>

bourdinFrançoise Bourdin è una tra i più talentuosi romanzieri contemporanei, nel 2013 Le Figaro littéraire la colloca al quarto posto tra gli autori più letti, con cinque milioni di copie vendute in tutto il mondo.

Uscito in Italia il 27 febbraio, edito da Baldini+Castoldi, L’eredità di Ariane supera le 300.000 copie vendute, rivelandosi un altro bestseller della Bourdin, narrato con uno stile elegante, vivace e fluido, in grado di sedurre il lettore con il suo linguaggio armonioso e ben articolato, che permette all’autrice di rappresentare la fragilità dei sentimenti umani, là dove la vita si diverte a porre tutto in discussione, anche le certezze ben radicate.

Ariane Nogaro, vedova senza figli, appartiene a un’importante famiglia di produttori di resine, delle Landes de Gascogne, un’attività tuttavia destinata a fallire a causa del padre di Ariane, costretto a vendere la tenuta dei Nogaro. Per anni la vita di Ariane trascorre nel tentativo di riacquistare la proprietà di famiglia, così la sua determinazione le permette di compiere tutti quei passi, che la condurranno al conseguimento dei suoi propositi. Ma a quale prezzo?

<<Ero egoista come lo si può essere a vent’anni, e con tanta fretta di ritrovare la vita di prima. Con il pensiero, chiuso in un angolino della mente, ma sempre presente, rivolto a questa casa che mi era stata confiscata e di cui ero determinata a riappropriarmi un giorno.>>

Ormai vecchia e malata, Ariane decide di mettere ordine nei suoi affari, incaricando il suo commercialista, Pierre Laborde, di redigere il testamento. Considerata una “vecchia pazza” dal fratello minore, un professore in pensione, così come dal resto della sua famiglia, Ariane coltiva un legame affettivo e una forte complicità con la figlia più piccola del fratello, Anne, da sempre considerata la nipote prediletta, la quale regolarmente, una volta a settimana, si reca in visita dalla zia per discutere del passato e di quella che fu un tempo la famiglia Nogaro.

Amava molto la zia, apprezzava il suo comportamento da vecchia stramba e il suo umorismo pungente, ammirava il percorso atipico della sua vita. Un tocco di follia benvenuto in una famiglia troppo saggia.

Sposata con un veterinario e madre del dodicenne Léo, Anne esercita la sua professione di contabile a casa, conducendo una vita apparentemente tranquilla, cadenzata da tutte quelle abitudini, che le hanno permesso di costruirsi una quotidianità strutturata su solide certezze. Fino a quando improvvisamente, morendo Ariane, Anne diviene l’unica erede di tutto il patrimonio della zia, inclusa villa Nogaro, la proprietà immersa in una radura tra la pineta e l’oceano, dove Anne si reca una volta a settimana, a guardia della quale si trova Goliath, il fedele mastino di Ariane. Un evento questo che avrà ripercussioni sui legami familiari, riportando in vita vecchi rancori, invidie e tutte quelle inquietudini che sapranno risvegliare i ricordi di un passato lontano, ormai sepolto e di cui Anne verrà a conoscenza attraverso il diario della zia Ariane.

Improvvisamente, Anne si troverà a dover compiere delle scelte, che metteranno in discussione il suo matrimonio e che alimenteranno i malumori con la sua famiglia di origine, esclusa dal testamento di Ariane.

I romanzi di Françoise Bourdin sono costruiti intorno a elementi ricorrenti: donne forti, uomini indecisi, insidie e magnifici paesaggi, una serie di combinazioni che per il lettore si rivelano trascinanti; non fa eccezione L’eredità di Ariane.

Ogni personaggio, protagonista della propria storia personale, possiede tratti caratteriali tracciati con maestria e su cui l’autrice struttura universi esistenziali contrapposti e spesso inquieti: Anne, “spontanea, sincera, indisciplinata”, è un personaggio in continuo divenire, nel corso della narrazione subisce una serie di cambiamenti caratteriali dovuti alla lotta condotta per l’affermazione delle sue scelte e della sua indipendenza, che piano piano le permettono di venir fuori in tutta la sua spontaneità; Valère, il fratello maggiore di Anne, desidera da tempo un figlio, che la sua compagna Suki non riesce a dargli; Lily, la sorella maggiore di Anne, invidiosa e collerica, conduce un’esistenza che l’annoia profondamente, condotta tra la crescita delle figlie e un marito che sembra non bastarle. Infine, il fratello minore di Anne, Jérôme, un uomo di trentaquattro anni, che si trascina in una vita lontana dagli affetti familiari, riuscendo solo a mettersi nei guai, senza aver mai costruito nulla di concreto.

Anche Paul, il marito di Anne, apparentemente equilibrato e sempre sicuro di sé, consuma le proprie certezze all’ombra di quell’orgoglio, che non gli permette mai di compiere un passo in direzione della moglie dal momento in cui eredita, facendo sì che “non erano più fianco a fianco, ma uno di fronte all’altro”.

Aveva vissuto la conquista di Anne come qualcosa di molto importante e il loro matrimonio come un impegno coscienzioso. Non c’era stata nessuna leggerezza in tutto questo. Solo obiettivi, raggiunti grazie al buon senso.

Ariane di contro è un personaggio che si racconta attraverso le pagine di un diario, scoperto casualmente da Anne e che offre un’interessante alternarsi di situazioni, rendendo dinamica la narrazione. Anche il mastino di Ariane, Goliath, è un piccolo protagonista, anche se pur secondario, utilizzato per punteggiare l’azione, permettendo di passare a un piano narrativo più distensivo.

La conclusione un finale aperto, che offre diverse possibilità…

L’eredità di Ariane si rivela quindi un universo intriso di segreti e rivelazioni, che vi terrà compagnia in questi giorni tanto lunghi, quanto difficili, sottolineati da una distanza che spesso si fa opprimente, dove ci viene chiesto di restare in casa, al sicuro, lontano da un mondo che sembra crollare, schiacciato dal peso dell’incertezza… #iorestoacasa e anche voi mi raccomando, restate a casa.

Si alzò e andò ad aprire una delle finestre, quella che si affacciava sul lato posteriore della villa, là dove gli alberi erano più vicini. Un gufo emetteva il suo grido a intervalli regolari, con una sorta di sinistra testardaggine. La notte sembrava molto buia, senza nessuna stella visibile, e le alte silhouette dei pini si distinguevano appena.

 

 

QUARTA DI COPERTINA

Proveniente da un’ex famiglia di proprietari terrieri delle Landes, Ariane Nogaro, vedova e senza figli, decide di mettere ordine nei suoi affari e di redigere il suo testamento. Il bene più importante che possiede è una grande casa nascosta tra la pineta e l’oceano, la culla della sua famiglia. Ma Ariane non ha più contatti né col fratello maggiore, insegnante in pensione, né con la cognata poiché non apprezzano il suo carattere originale, tantomeno il suo stile di vita. Solo con Anne, una delle sue nipoti, ha un legame affettuoso e complice. Sposata con un veterinario e madre di un ragazzino di dodici anni, Anne conduce una vita tranquilla, dividendosi tra il suo lavoro di commercialista e le visite settimanali alla zia. Ma quando Ariane muore improvvisamente tutto cambia: è Anne a ereditare i suoi beni, tra cui la grande casa dei Nogaro. L’apertura del testamento fa riemergere vecchie gelosie e nascere rancori sconvolgendo l’unità famigliare finora preservata, mettendo Anne di fronte a una scelta: che fare di quella villa che racchiude tanti ricordi? Venderla? Oppure andare a viverci, come lei vorrebbe fare nonostante il marito si opponga categoricamente? È giusto che Anne metta il suo matrimonio in pericolo e litighi con la sua famiglia per colpa di un’eredità?

 

Chi è Françoise Bourdin

Nata a Parigi nel 1952 da genitori cantanti lirici di professione, ha pubblicato il suo primo libro ancora minorenne. Nei suoi romanzi dipinge con passione e bravura i paesaggi incantevoli della Bretagna, e rende accattivante e piacevole l’aspetto sentimentale, usando un linguaggio musicale come l’ambiente in cui è cresciuta. Il suo universo affonda le proprie radici nelle storie di famiglia, nei segreti e nelle passioni che la attraversano. L Fra le scrittrici più amate in Francia, ha venduto oltre 9 milioni di copie e i suoi libri sono sempre ai vertici delle classifiche.

 

DETTAGLI

Autore: Françoise Bourdin

Editore: Baldini+Castoldi

Titolo: L’eredità di Ariane

Traduttrice: Raffaella Patriarca

Collana: Romanzi e Racconti

Data uscita: 27 febbraio 2020

Pagine: 336

Formato: brossura

Prezzo: € 19,00

EAN: 9788893882859